Ambiente

7 Ottobre 2022

In arrivo il nuovo bonus 80% colonnine elettriche

Alla luce degli obiettivi previsti dalla transizione ecologica, nuovi incentivi sono stati adottati da parte del Governo per l’acquisto di colonnine elettriche di ricarica grazie ad un provvedimento ad hoc: il Dpcm 4 agosto 2022, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 4 ottobre 2022.

Il decreto prevede contributi finalizzati all’installazione di colonnina di ricarica domestica, che arriveranno direttamente dal Ministero dello Sviluppo economico (Mise): non si tratterà di una detrazione fiscale.

L’obiettivo è quello di promuovere la mobilità sostenibile ed incentivare così gli investimenti nel settore.

Dpcm 4 agosto 2022

Il decreto, contenente “Modifiche al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 6 aprile 2022 – Riconoscimento degli incentivi per l’acquisto di veicoli non inquinanti“, introduce incentivi per promuovere la riconversione e riqualificazione della filiera automotive e, per l’anno 2022, prevede un contributo per l’acquisto di infrastrutture di potenza standard per la ricarica di veicoli alimentati ad energia elettrica.

L’ammontare delle risorse disponibili per il nuovo incentivo è riconosciuto nel limite di spesa di euro 40 milioni, a valere sulle risorse del Fondo automotive.

Bonus colonnine elettriche 80%

Il bonus colonnine elettriche fa parte del Dpcm di agosto 2022 (ideato per il settore automotive) che stanzia fondi fino al 2030, in modo da rendere effettivo il graduale passaggio all’elettrico.

Il contributo è pari all’80% del prezzo di acquisto e posa in opera.

Il limite massimo è pari a:

  • 1.500 euro per richiedente,
  • 8.000 per la posa in opera sulle parti comuni di edifici condominiali (per gli interventi condominiali è previsto il raggiungimento di un quorum assembleare analogo a quello per il Superbonus, ossia maggioranza degli intervenuti e almeno 1/3 del valore dell’edificio).

Nello specifico, il nuovo provvedimento prevede:

Contributo dell’80% per il 2022 per l’acquisto di colonnine di ricarica di potenza standard per utenti domestici, nel limite di 1500 euro per persona. Tale limite di spesa è innalzato a 8 mila euro in caso di posa in opera negli appositi spazi comuni condominiali.

Al momento non è ancora stata specificata la procedura utile ad avanzare richiesta; rimaniamo in attesa di successivi provvedimenti ministeriali che andranno a disciplinare le procedure per l’erogazione delle agevolazioni previste nel Dpcm.

Incentivi per colonnine di ricarica elettriche

Per l’installazione di colonnine di ricarica elettrica era possibile avere fino a fine 2021 una detrazione del 50% delle spese, su una spesa massima di 3.000 euro; detrazione scaduta, quindi, e senza essere rinnovata.

Il nuovo bonus va ad aggiungersi all’agevolazione legata all’installazione di colonnine di ricarica presso le abitazioni: il Superbonus 110%, detrazione vincolata alla realizzazione di lavori di tipo edilizio all’edificio (ai sensi del dl  n. 34/2020).

In qualità di intervento trainato, l’intervento di installazione di colonnine può accedere, quindi, alla detrazione al 110% da ripartire tra gli aventi diritto in 5 quote annuali di pari importo. Il limite massimo è di:

  • 2.000 euro per gli edifici unifamiliari e le unità immobiliari indipendenti con accesso autonomo all’esterno,
  • 1.500 euro per i condomìni che installino un numero massimo di otto colonnine,
  • 1.200 euro per i condomìni che installino un numero superiore a otto colonnine.

Per le spese sostenute nel 2022, invece, ci sarà la possibilità di avere un bonus dell’80%.

A che punto siamo rispetto l’Europa?

L’Italia è il quinto Paese in Europa per numero di installazioni di colonnine di ricarica elettriche.

Ultimi articoli

Edilizia 5 Dicembre 2022

False pergotende: se l’opera è stabilmente infissa e crea nuovo volume è una nuova costruzione

Consiglio di Stato: per configurarsi come pergotenda, l’opera principale deve essere costituita non dalla struttura in sé, ma dalla tenda, quale elemento di protezione dal sole o dagli agenti atmosferici, con la conseguenza che la struttura deve qualificarsi in termini di mero elemento accessorio

Edilizia 27 Novembre 2022

CILA Superbonus: può essere negata o inibita?

La CILAS parimenti alla CILA non può essere negata tantomeno inibita poiché, in qualità di comunicazione, non prevede una fase di controllo. Lo chiarisce il Tar Campania

Edilizia 26 Novembre 2022

Soppalco: se c’è aumento del carico urbanistico serve il permesso di costruire

Consiglio di Stato: non basta la SCIA per un soppalco costituito da un solaio orizzontale posto all'interno di un locale dell'immobile al fine di ricavare uno spazio aggiuntivo, che si configura come ristrutturazione edilizia

Edilizia 28 Ottobre 2022

Ristrutturazione edilizia: le differenze con il restauro o il risanamento conservativo

Consiglio di Stato: mentre la ristrutturazione può condurre ad un “un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente”, il restauro e il risanamento conservativo non possono mai portare a ridetto organismo in tutto o in parte diverso dal preesistente, avendo sempre la finalità di conservare l'organismo edilizio ovvero di assicurarne la funzionalità

torna all'inizio del contenuto