Edilizia

25 Settembre 2018

Agibilità: come funziona il meccanismo del silenzio-assenso

Tar Lazio: l’agibilità si forma tramite il meccanismo del silenzio-assenso in presenza di una domanda completa della documentazione prevista dalla medesima norma e in assenza, di contro, di una richiesta istruttoria formulata dall’amministrazione nell’ambito della prescritta modalità procedimentale

In materia di agibilità, il trascorrere del termine di cui all’art. 25 del dpr 380/2001, in presenza di una domanda completa della documentazione prevista dalla medesima norma e in assenza, di contro, di una richiesta istruttoria formulata dall’amministrazione nell’ambito della prescritta modalità procedimentale, porta all’automatica maturazione del silenzio-assenso.

Lo ha affermato il Tar Lazio con la sentenza 9236-2018 dello scorso 10 settembre, che ha accolto il ricorso inerente l’avvenuta formazione del silenzio-assenso sulla domanda di agibilità di un edificio, con conseguente impossibilità, per il comune, di manifestare sulla domanda stessa un diverso avviso, a ben nove anni di distanza senza avviare un procedimento in autotutela.

I giudici amministrativi evidenziano in ogni caso che “l’amministrazione mantiene pur sempre la facoltà di provvedere favorevolmente con un provvedimento espresso che sia di maggior tutela per il privato, ma ove ritenga di dover procedere negativamente, non può che provvedere secondo i principi dell’esercizio dell’autotutela, posti a garanzia dei principi di certezza dell’ordinamento e del buon andamento della P.A., secondo quanto specificamente disposto dalla legge con la norma di chiusura di cui all’art. 26 T.U“.

Pertanto, nel caso di specie il comune avrebbe dovuto tempestivamente chiedere all’istante, nel 2009, tutti i documenti eventualmente mancanti per il perfezionamento della pratica e, ove in possesso di nuovi elementi, relativi a circostanze successive alla presentazione della domanda e ad opere ulteriori effettuate sull’immobile in tempi più recenti, avrebbe dovuto avviare un procedimento per agire in autotutela sul provvedimento tacito già formatosi, senza poter semplicemente assumere una nuova determinazione sulla originaria richiesta, considerando il silenzio-assenso tamquam non esset.

Gli atti, quindi, devono essere annullati poiché il silenzio-assenso si è già formato.

Ultimi articoli

Edilizia 5 Dicembre 2022

False pergotende: se l’opera è stabilmente infissa e crea nuovo volume è una nuova costruzione

Consiglio di Stato: per configurarsi come pergotenda, l’opera principale deve essere costituita non dalla struttura in sé, ma dalla tenda, quale elemento di protezione dal sole o dagli agenti atmosferici, con la conseguenza che la struttura deve qualificarsi in termini di mero elemento accessorio

Edilizia 27 Novembre 2022

CILA Superbonus: può essere negata o inibita?

La CILAS parimenti alla CILA non può essere negata tantomeno inibita poiché, in qualità di comunicazione, non prevede una fase di controllo. Lo chiarisce il Tar Campania

Edilizia 26 Novembre 2022

Soppalco: se c’è aumento del carico urbanistico serve il permesso di costruire

Consiglio di Stato: non basta la SCIA per un soppalco costituito da un solaio orizzontale posto all'interno di un locale dell'immobile al fine di ricavare uno spazio aggiuntivo, che si configura come ristrutturazione edilizia

Edilizia 28 Ottobre 2022

Ristrutturazione edilizia: le differenze con il restauro o il risanamento conservativo

Consiglio di Stato: mentre la ristrutturazione può condurre ad un “un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente”, il restauro e il risanamento conservativo non possono mai portare a ridetto organismo in tutto o in parte diverso dal preesistente, avendo sempre la finalità di conservare l'organismo edilizio ovvero di assicurarne la funzionalità

torna all'inizio del contenuto