Edilizia

22 Febbraio 2018

Arriva il glossario per l’edilizia libera

Ecco il Glossario per l’edilizia libera con l’elenco delle opere che possono essere eseguite senza alcun titolo abilitativo: dalla manutenzione alla sostituzione infissi

Prevista per oggi (22 febbraio 2017) alle 15:30 in Conferenza unificata l’intesa che dovrebbe dare il via libera al Glossario unico per interventi di edilizia libera, che contiene l’elenco non esaustivo delle principali opere che non richiedono titolo abilitativo (Permesso di Costruire, CIL/CILA o SCIA).

La lista completa di tutti gli interventi liberi sarà approvata con uno schema di decreto di attuazione del dlgs 222/2016 (decreto SCIA 2) sulle attività e i procedimenti edilizi (articolo 1, comma 2) che avrebbe dovuto essere emanato entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto stesso e, quindi, entro il 9 febbraio 2017.

Quindi, anche se con oltre un anno di ritardo, forse ci siamo!

Glossario per l’edilizia libera

Il Glossario unico definisce le principali opere che possono essere eseguite senza alcun titolo abilitativo, nel rispetto delle prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali e di tutte le normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell’attività edilizia, in particolare: delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico-sanitarie, di quelle relative all’efficienza energetica, di tutela dal rischio idrogeologico, delle disposizioni contenute nel codice dei beni culturali e del paesaggio).

La tabella del glossario contiene la definizione dell’intervento e i riferimenti normativi; nel dettaglio riporta:

  • il regime giuridico dell’attività edilizia libera ex art. 6, comma 1, lettere da a) a e-quinquies), del d.P.R. n. 380/2001 e ex art. 17 del d.lgs. n. 128/2006
  • l’elenco delle categorie di intervento che il d.P.R. n. 380/2001 ascrive all’edilizia libera (art. 6 comma 1), specificato da quanto previsto dalla tabella A del d.lgs. n. 222/2016
  • l’elenco, non esaustivo, delle principali opere che possono essere realizzate per ciascun elemento edilizio come richiesto dall’art. 1, comma 2 del d. lgs. n. 222/2016
  • l’elenco, non esaustivo, dei principali elementi oggetto di intervento, individuati per facilitare la lettura della tabella da cittadini, imprese e PA

Interventi edilizia libera

Ricordiamo le 12 categorie di intervento rientranti nel regime giuridico dell’edilizia libera:

  • manutenzione ordinaria
  • pompe di calore di potenza termica utile nominale inferiore a 12 kW
  • depositi di gas di petrolio liquefatti di capacità complessiva non superiore a 13 m3
  • eliminazione delle barriere architettoniche
  • attività di ricerca nel sottosuolo
  • movimenti di terra
  • serre mobili stagionali
  • pavimentazione di aree pertinenziali
  • pannelli fotovoltaici a servizio degli edifici
  • aree ludiche ed elementi di arredo delle aree di pertinenza
  • manufatti leggeri in strutture ricettive
  • opere contingenti temporanee

Il glossario non richiede un recepimento da parte delle Regioni o dei Comuni, ma diventa operativo con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

In allegato il Glossario con l’elenco delle principali opere che possono essere eseguite senza alcun titolo abilitativo

Ultimi articoli

Edilizia 3 Febbraio 2023

Dehors e distanze legali: deve rispettarle?

CdS: il dehors costituisce attrezzatura a servizio dell’attività commerciale, per cui non deve rispettare le distanze legali

Edilizia 13 Gennaio 2023

Superbonus, novità dal 2023

Aliquote variabili in base ai beneficiari e alla data dei lavori, contributi per i committenti con redditi bassi, cessione del credito con 5 passaggi, prestiti SACE alle imprese in crisi di liquidità

Ambiente 3 Gennaio 2023

Linee Guida PAS e semplificazione amministrativa connessa al consumo dei suoli agricoli

Importanti iniziative volte a standardizzare i procedimenti per l'insediamento, l’avvio e l’esercizio di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile inferiori ad 1 MW

Edilizia 30 Dicembre 2022

Fabbricato su diversa area di sedime: è variazione essenziale!

Costruire un fabbricato e non rispettare l’ubicazione prevista nel progetto costituisce abuso edilizio passibile di demolizione. Lo chiarisce il CdS

torna all'inizio del contenuto