Notizie

28 Ottobre 2017

Bonus mobili: in arrivo la proroga di un anno nel ddl legge di Bilancio 2018

Bonus mobili ed elettrodomestici prorogato a tutto il 2018  nell’ultima bozza della nuova legge di Bilancio. Come funziona e gli adempimenti necessari

Prorogato al 31 dicembre 2018 anche il bonus arredi ed elettrodomestici, come tutti i bonus per gli interventi sulla casa; questa la novità contenuta nella nuova bozza della legge di Bilancio 2018, inizialmente  non prevista dal Governo.

Come funziona il bonus mobili 2018

Il  bonus mobili è stato introdotto nel 2013 dal dl 63/2013 (convertito dalla legge 90/2013) e prevede, per chi realizza un intervento di ristrutturazione edilizia, la detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di arredi e grandi elettrodomestici in classe non inferiore alla A+, finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di recupero.

La legge di Bilancio 2017 ha esteso la possibilità di usufruire del bonus mobili fino al 31 dicembre 2017, per un importo massimo di 10.000 euro per unità immobiliare, con nuove regole.

Bonus mobili 2018

Per quanto concerne il bonus mobili ed elettrodomestici, il ddl Bilancio 2018 sembra confermare in blocco l’assetto attuale; ossia:

  • le spese per l’arredo dovranno essere sostenute nel 2018
  • le spese avranno un tetto massimo di 10.000 euro
  • lo sconto andrà diviso in 10 rate annuali

In pratica, se si spendono 10.000 euro tra arredi e grandi elettrodomestici si possono scontare 5.000 euro dalle tasse ed ogni anno si ha diritto a togliere 500 euro dall’Irpef.

Gli adempimenti necessari per poter beneficiare dell’agevolazione sono i seguenti:

  • l’acquisto di arredi e di grandi elettrodomestici deve avvenire in occasione della ristrutturazione dell’abitazione
  • il contribuente deve essere in possesso dei seguenti documenti
    • fattura relative alle spese sostenute
    • bonifico parlante, indicante la causale del versamento, il numero e la data della fattura, i dati del richiedente la detrazione(che può anche essere diverso dall’ordinante), il codice fiscale del beneficiario
    • dichiarazione di ristrutturazione, o, in alternativa, titolo abilitativo comunale da cui risulti la data di inizio lavori; se non necessari, è sufficiente una dichiarazione sostitutiva dell’ atto di notorietà

Il bonus mobili  è comunque cumulabile col bonus ristrutturazione.

Questo è quanto si apprende dalla lettura dell’ultima bozza della Manovra 2018; tuttavia, solo dopo la conclusione dell’iter parlamentare, avremo la certezza delle novità o delle conferme circa l’agevolazione.

Ultimi articoli

Edilizia 4 Aprile 2021

L’utilizzo del gazebo determina il titolo abilitativo: quando serve il permesso di costruire

Tar Molise: il gazebo destinato ad un uso permanente è un intervento di nuova costruzione necessitante il permesso di costruire

Fisco 3 Aprile 2021

Superbonus: sì alla demolizione e ricostruzione con ampliamento di volume

Dalle Entrate nuovi chiarimenti sul Superbonus nel caso di demolizione e ricostruzione con ampliamento di volume e modifica dell’area di sedime

Fisco 3 Aprile 2021

Demolizione e ricostruzione: no all’ecobonus 110 per la volumetria eccedente

Dalle Entrate il no all’ecobonus 110% applicato alla volumetria eccedente dopo una demolizione/ricostruzione. Sì al sismabonus 110% per quella stessa volumetria in più

Edilizia 3 Aprile 2021

Fiscalizzazione dell’abuso edilizio: non è mai possibile in area vincolata

Cassazione: in casi particolari di abuso edilizio è possibile convertire la sanzione demolitoria in sanzione pecuniaria, ma ciò non è mai attuabile in aree vincolate

torna all'inizio del contenuto