Edilizia

18 Ottobre 2020

Cambio di destinazione d’uso senza opere: anche il locatario può richiederlo

Il locatario di un immobile può presentare una SCIA per chiedere il cambio di destinazione d’uso senza opere: il Tar Lombardia chiarisce il caso con la sentenza n. 632/2020.

Il caso

Una società di commercio prendeva in affitto alcuni locali situati in un immobile di cui era proprietaria un’altra Srl.

L’immobile secondo il piano urbanistico comunale ricadeva in un’area per insediamenti produttivi/commerciali esistenti.

Il contratto di locazione precisava che:

  • la destinazione d’uso dei locali affittati doveva rimanere ad attività di vendita commerciale non alimentare;
  • la realizzazione di eventuali modifiche degli spazi commerciali doveva avvenire a condizione che si trattasse di aggiunte che potevano essere rimosse con facilità in qualunque momento, senza danneggiamento dei locali.

Successivamente la società locataria presentava una SCIA presso il Comune per avviare un’attività di vendita al dettaglio di abbigliamento e accessori.

La proprietaria dei locali si opponeva al cambio di destinazione d’uso (senza opere), da vendita all’ingrosso a vendita al dettaglio, lamentandone l’illegittimità presso il Comune. Per tale motivo chiedeva l’annullamento della SCIA richiesta dalla locataria.

Il Comune rigettava la richiesta e ribadiva:

  • la validità della SCIA come comunicazione ai fini del cambio di destinazione d’uso senza opere ai sensi della legge regionale;
  • la coincidenza del comparto in questione con l’intero edificio e la conformità della vendita al dettaglio con lo strumento urbanistico;
  • la compatibilità del contratto di locazione che prevedeva l’attività di vendita commerciale non alimentare, con la legittimità del locatario a chiedere il cambio di destinazione d’uso senza opere per avviare l’attività di vendita al dettaglio.

La proprietaria dell’immobile decideva, quindi, di fare ricorso al TAR.

La decisione del Tar Lombardia

I giudici del Tar ribadiscono che il locatario di un immobile commerciale è senz’altro abilitato a chiedere un cambio di destinazione d’uso senza opere, in quanto le trasformazioni apportate dell’immobile sarebbero contenute e reversibili, destinate ad esaurirsi con la scadenza del contratto.

Infatti, i togati evidenziano come, per quel che riguarda le strutture di separazione adottate dal locatario, esse sono costituite da pareti amovibili ancorate a elementi di appoggio, perfettamente funzionali all’utilizzazione degli spazi secondo le esigenze del locatario.

Per i togati, detti manufatti non costituiscono opere edilizie, per cui la nuova sistemazione dei locali è destinata a durare unicamente per il tempo di locazione che, una volta scaduto, risulta facilmente reversibile.

Per tali motivi, il ricorso non è accolto.

Ultimi articoli

Edilizia 5 Dicembre 2022

False pergotende: se l’opera è stabilmente infissa e crea nuovo volume è una nuova costruzione

Consiglio di Stato: per configurarsi come pergotenda, l’opera principale deve essere costituita non dalla struttura in sé, ma dalla tenda, quale elemento di protezione dal sole o dagli agenti atmosferici, con la conseguenza che la struttura deve qualificarsi in termini di mero elemento accessorio

Edilizia 27 Novembre 2022

CILA Superbonus: può essere negata o inibita?

La CILAS parimenti alla CILA non può essere negata tantomeno inibita poiché, in qualità di comunicazione, non prevede una fase di controllo. Lo chiarisce il Tar Campania

Edilizia 26 Novembre 2022

Soppalco: se c’è aumento del carico urbanistico serve il permesso di costruire

Consiglio di Stato: non basta la SCIA per un soppalco costituito da un solaio orizzontale posto all'interno di un locale dell'immobile al fine di ricavare uno spazio aggiuntivo, che si configura come ristrutturazione edilizia

Edilizia 28 Ottobre 2022

Ristrutturazione edilizia: le differenze con il restauro o il risanamento conservativo

Consiglio di Stato: mentre la ristrutturazione può condurre ad un “un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente”, il restauro e il risanamento conservativo non possono mai portare a ridetto organismo in tutto o in parte diverso dal preesistente, avendo sempre la finalità di conservare l'organismo edilizio ovvero di assicurarne la funzionalità

torna all'inizio del contenuto