Edilizia

12 Gennaio 2021

DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE CON AUMENTO CONSISTENTE DELLA VOLUMETRIA

Domanda
La legge regionale N. 19/2009 sul piano casa in Campania prevede all’art. 5 “In deroga agli strumenti urbanistici vigenti è consentito l’aumento, entro il limite del trentacinque per cento, della volumetria esistente degli edifici residenziali per interventi di demolizione e ricostruzione, da realizzarsi all’interno dell’area nella quale l’edificio esistente è ubicato, di proprietà del soggetto richiedente”. Si chiede. Un intervento di demolizione e ricostruzione con aumento fino al 35 % della volumetria esistente è da ritenersi di ristrutturazione edilizia o di nuova costruzione ?

Risposta
L’art. 3, comma 1, lett. d) del  Dpr 380/2001 (TUE), modificato da ultimo con il DL Semplificazioni (DL 76/2020 convertito con modificazioni dalla L. 120/2020), ricomprende nell’ambito della ristrutturazione  edilizia, gli interventi di demolizione e ricostruzione di edifici esistenti “con diversi sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche” nonché, nei soli casi espressamente previsti dalla legislazione vigente o dagli strumenti urbanistici comunali, “incrementi di volumetria anche per promuovere interventi di rigenerazione urbana”.

La norma va letta anche con riferimento alla nuova formulazione del comma 1-ter, dell’art. 2-bis, del TUE, relativo alla deroga delle distanze tra fabbricati e dal confine nel caso di demolizione e ricostruzione di edifici anche con ampliamenti fuori sagoma.

La legge semplificazioni ha dunque ampliato il concetto di ristrutturazione edilizia ricomprendendo anche gli interventi demo-ricostruttivi con aumento di volumetria, facendo venir meno il discrimine tra nuova costruzione e ristrutturazione edilizia che, negli interventi demo-ricostruttivi, era in precedenza  individuato proprio nell’incremento volumetrico.

La novella legislativa (intervenuta dopo la sentenza della Corte Costituzionale n. 70/2020 che aveva ritenuto incostituzionale una legge regionale pugliese che qualificava quale ristrutturazione edilizia l’intervento di demolizione e ricostruzione di un edificio con diversa sistemazione plano-volumetrica e aumento della volumetria preesistente), segna quindi un cambio di rotta teso a stimolare gli interventi di rigenerazione urbana e di riutilizzo del patrimonio immobiliare esistente, che beneficiano di incrementi premiali del Piano Casa regionale.

Resta confermato un regime più restrittivo per gli interventi di ristrutturazione edilizia demo-ricostruttiva su immobili sottoposti a vincoli di cui al D. Lgs. 42/2004, su edifici ubicati nelle zone del centro storico o di particolare valore storico, che devono rispettare sagoma, prospetti, sedime, caratteristiche plano volumetriche, tipologiche nonché la volumetria.

Ultimi articoli

Edilizia 25 Luglio 2021

Abusi e Condono edilizio: la prova della data di realizzazione dell’opera

Il TAR Lazio chiarisce come deve avvenire la prova della data di costruzione di un manufatto affinché possa essere correttamente inquadrato il titolo edilizio

Edilizia 24 Luglio 2021

Ok al bonus facciate per le spese sostenute da un unico condomino

Il singolo condomino può sostenere per intero le spese per il rifacimento della facciata e godere dell’agevolazione fiscale se autorizzato da delibera condominiale all’unanimità

Edilizia 24 Luglio 2021

Dal CSLLPP i chiarimenti su sismabonus nei centri storici

Commissione CSLLPP: nei centri storici ammessi interventi che determinano la riduzione del rischio sismico senza la verifica dell’intero aggregato. Ecco l’elenco dei lavori ammissibili

Edilizia 24 Luglio 2021

Autorizzazione paesaggistica: scaduti i termini il parere della Soprintendenza è inefficace

Una PA deve considerare inefficace il parere negativo della Soprintendenza che sia giunto fuori dai termini previsti. I chiarimenti del Tar Campania

torna all'inizio del contenuto