Notizie

21 Dicembre 2018

Fatturazione elettronica: i commercialisti chiedono il rinvio

L’associazione nazionale dei commercialisti presenta un ricorso in tribunale contro l’Agenzia delle Entrate: chiede il rinvio dell’obbligo della fatturazione elettronica

L’ANC,  Associazione Nazionale Commercialisti, ha deposito in via d’urgenza il 14 dicembre 2018 presso il Tribunale Civile di Roma un ricorso contro l’Agenzia delle Entrate chiedendo il differimento dell’entrata in vigore della normativa sulla fatturazione elettronica.

Il rinvio si rende necessario, secondo i commercialisti, almeno fino a quando il sistema non sarà sanato da una serie di vizi relativi al possibile uso improprio dei dati, vizi che pongono gravissimi pregiudizi sulla privacy degli utenti e sulla sicurezza del sistema economico del Paese.

Il Presidente Marco Cuchel dichiara:

È una misura estrema alla quale siamo giunti alla fine di un estenuante percorso fatto di segnalazioni, istanze, richieste di incontro a tutte le istituzioni e le autorità coinvolte. Nel ricorso sono state denunciate le lesioni del diritto fondamentale alla protezione dei dati personali di cui all’art. 2 della Costituzione e all’art. 8, § 1 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea e all’ art. 16, § 1 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea, in relazione al Regolamento europeo 2016/679

Il Consiglio Direttivo dell’Associazione ha deliberato la presentazione del ricorso dopo incessanti richieste presso tutte le sedi deputate alla valutazione della normativa sulla fatturazione elettronica e relativa regolamentazione, che diverrà obbligatoria tra tutti i soggetti economici e privati dal 1° gennaio 2019.

Già dal 2017 l’ANC ha evidenziato tutte le storture, le anomalie ed i rischi che il sistema comporta, che sono alla base delle motivazioni contenute nel ricorso e che necessitano pertanto di una valutazione urgente da parte della Giustizia ordinaria.

I rischi per la privacy

I commercialisti nel mese di ottobre hanno promosso un’azione presso il Garante per la Privacy e presso l’Autorità Garante per la concorrenza, segnalando che la normativa sulla fatturazione elettronica, consentendo la raccolta massiva di informazioni commerciali, può mettere in pericolo la sicurezza di un intero sistema economico.

Ricordiamo come recentemente vi sia stato il provvedimento del Garante per la privacy nei confronti dell’Agenzia delle Entrate, la quale è stata avvertita e alla quale è stato ingiunto di far conoscere all’Autorità stessa le iniziative assunte per rendere il trattamento dei dati conforme alla normativa vigente.

Ad oggi, non si sa se l’Agenzia abbia dato seguito, e in quale modo, al provvedimento del Garante.

Nel mese di novembre è seguita un’interrogazione parlamentare; sono state inoltrate tre distinte richieste urgenti di incontro alle massime autorità del Governo, richieste che sono rimaste inascoltate. Sono stati altresì respinti gli emendamenti al decreto fiscale che proponevano la modifica alla normativa sulla fatturazione elettronica.

Ultimi articoli

Edilizia 5 Dicembre 2022

False pergotende: se l’opera è stabilmente infissa e crea nuovo volume è una nuova costruzione

Consiglio di Stato: per configurarsi come pergotenda, l’opera principale deve essere costituita non dalla struttura in sé, ma dalla tenda, quale elemento di protezione dal sole o dagli agenti atmosferici, con la conseguenza che la struttura deve qualificarsi in termini di mero elemento accessorio

Edilizia 27 Novembre 2022

CILA Superbonus: può essere negata o inibita?

La CILAS parimenti alla CILA non può essere negata tantomeno inibita poiché, in qualità di comunicazione, non prevede una fase di controllo. Lo chiarisce il Tar Campania

Edilizia 26 Novembre 2022

Soppalco: se c’è aumento del carico urbanistico serve il permesso di costruire

Consiglio di Stato: non basta la SCIA per un soppalco costituito da un solaio orizzontale posto all'interno di un locale dell'immobile al fine di ricavare uno spazio aggiuntivo, che si configura come ristrutturazione edilizia

Edilizia 28 Ottobre 2022

Ristrutturazione edilizia: le differenze con il restauro o il risanamento conservativo

Consiglio di Stato: mentre la ristrutturazione può condurre ad un “un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente”, il restauro e il risanamento conservativo non possono mai portare a ridetto organismo in tutto o in parte diverso dal preesistente, avendo sempre la finalità di conservare l'organismo edilizio ovvero di assicurarne la funzionalità

torna all'inizio del contenuto