Notizie

5 Novembre 2018

Fatturazione elettronica: le novità contenute nel decreto fiscale

Decreto fiscale e fatturazione elettronica: fattura entro 10 giorni dall’incasso, sanzioni soft o annullate fino a giugno. Ecco le novità

Il decreto legge n. 119/2018 (decreto fiscale) in vigore dal 24 ottobre scorso (G.U. n. 247), pur confermando l’obbligo di fatturazione elettronica del 1° gennaio 2019, ha previsto importanti novità all’art. 10 e 11.

Analizziamo ora in dettaglio la parte del decreto che riguarda la fatturazione, mentre per maggiori approfondimenti rimandiamo alla Guida di BibLus-net sulla fatturazione elettronica.

Fatturazione entro 10 giorni dall’incasso

Il decreto fiscale prevede che le fatture a partire da luglio 2019 possano essere emesse entro dieci giorni dalla prestazione del servizio e quindi dall’atto di pagamento del corrispettivo.

In questo modo le fatture non dovranno essere per forza emesse entro il giorno di pagamento del corrispettivo, ma potranno essere emesse entro 10 giorni dall’incasso, semplificando di molto il lavoro di tecnici e contabili.

Inoltre, sempre a partire da luglio 2019, le fatture dovranno contenere anche la data in cui è effettuata la prestazione di servizi ovvero la data in cui è corrisposto in tutto o in parte il corrispettivo, sempre che tale data sia diversa dalla data di emissione della fattura.

Sanzioni soft o annullate fino a giugno

Per i primi sei mesi del 2019, le sanzioni previste per chi non rispetta l’obbligo non si applicano se la fattura in modalità elettronica viene emessa in ritardo pur servendosi del Sistema di Interscambio – SdI, e comunque entro il termine di effettuazione della liquidazione periodica dell’Iva.

Sempre fino al 30 giugno del prossimo anno, le sanzioni per violazione degli obblighi si applicano con una riduzione dell’80%, purché la fattura elettronica sia emessa, entro il termine di effettuazione della liquidazione dell’imposta sul valore aggiunto del periodo successivo.

Ultimi articoli

Edilizia 4 Aprile 2021

L’utilizzo del gazebo determina il titolo abilitativo: quando serve il permesso di costruire

Tar Molise: il gazebo destinato ad un uso permanente è un intervento di nuova costruzione necessitante il permesso di costruire

Fisco 3 Aprile 2021

Superbonus: sì alla demolizione e ricostruzione con ampliamento di volume

Dalle Entrate nuovi chiarimenti sul Superbonus nel caso di demolizione e ricostruzione con ampliamento di volume e modifica dell’area di sedime

Fisco 3 Aprile 2021

Demolizione e ricostruzione: no all’ecobonus 110 per la volumetria eccedente

Dalle Entrate il no all’ecobonus 110% applicato alla volumetria eccedente dopo una demolizione/ricostruzione. Sì al sismabonus 110% per quella stessa volumetria in più

Edilizia 3 Aprile 2021

Fiscalizzazione dell’abuso edilizio: non è mai possibile in area vincolata

Cassazione: in casi particolari di abuso edilizio è possibile convertire la sanzione demolitoria in sanzione pecuniaria, ma ciò non è mai attuabile in aree vincolate

torna all'inizio del contenuto