Notizie

9 Giugno 2016

Guida all’attività edilizia libera: gli interventi senza Cil e Cila

Quali sono gli interventi che ricadono nell’attività edilizia totalmente libera secondo il Testo Unico dell’Edilizia? E quali godono dei bonus fiscali?

L’art. 6 del D.P.R. n. 380/2001  disciplina l’attività edilizia libera, cioè gli interventi edilizi eseguibili senza alcun titolo abilitativo, distinguendo tra attività totalmente libere e attività soggette a preventiva comunicazione di inizio lavori.

I lavori di edilizia totalmente libera non rientrano nei bonus fiscali. I lavori che richiedono la comunicazione di inizio lavori (Cil) e la Comunicazione di inizio lavori asseverata (Cila) sono invece compresi nelle agevolazioni previste per le ristrutturazioni.

In ogni caso, negli interventi devono essere rispettate:
• le diverse prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali che prevalgono sulla normativa statale per quanto riguarda eventuali regole più restrittive sui presupposti e i titoli abilitativi per poter eseguire un intervento edilizio;
• le norme antisismichedi sicurezzaantincendioigienico-sanitarie e quelle sull’efficienza energetica, che prescindono dal titolo abilitativo richiesto;
• le disposizioni contenute nel codice dei beni culturali e del paesaggio (D.Lgs. n. 42/2004 se l’intervento edilizio avviene su immobili soggetti a vincolo culturale e/o paesaggistico; in questi casi, è necessaria l’autorizzazione preventiva dell’autorità competente.

L’attività edilizia totalmente libera
Non sono soggette a permessi o comunicazioni gli interventi di manutenzione ordinaria come:
• tinteggiature interne,
• rifacimento di pavimenti e rivestimenti interni,
• sostituzione di porte e di impianti senza innovazione,
• eliminazione delle barriere architettoniche che non modificano la sagoma dell’edificio,
• sostituzione dei sanitari e degli impianti del bagno,
• messa a norma degli impianti elettrici obsoleti,
• installazione o sostituzione di impianti di allarme,
• installazione di ascensori e montacarichi interni,
• sostituzione delle caldaie per il riscaldamento e la produzione di Acs;
• realizzazione di intonaci delle facciate degli edifici, senza modificare la situazione preesistente,
• rifacimento o sostituzione dei cornicioni del condominio, con stesse dimensioni e stessi materiali.

Nel cantiere degli interventi di edilizia libera, non è obbligatoria l’affissione del cartello di cantiere.

L’attività edilizia totalmente libera riguarda inoltre:
a) gli interventi di  installazione delle pompe di calore aria-aria di potenza termica utile nominale inferiore a 12 KW;
b) gli interventi volti all’eliminazione di barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di rampe o di ascensori esterni o di manufatti che alterino la sagoma dell’edificio;
c) le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo a carattere geognostico (escluse le attività di ricerca di idrocarburi), eseguite in aree esterne al centro edificato;
d) i movimenti di terra strettamente pertinenti all’attività agricola e le pratiche agro-silvo-pastorali, compresi gli interventi su impianti idraulici agrari;
e) le serre mobili stagionali sprovviste di strutture in muratura, funzionali allo svolgimento dell’attività agricola.

 

Ultimi articoli

Edilizia 13 Ottobre 2021

Quando la piscina può essere considerata pertinenza

Tar Salerno: la piscina pertinenziale è compatibile con la destinazione agricola della zona laddove essa costituisca una legittima pertinenza dell’edificio residenziale principale

Edilizia 30 Settembre 2021

Superbonus, verso la proroga al 2023

Approvata la Nota di aggiornamento del Def che lascia margini per l’ipotesi di proroga Superbonus per il 2023

Edilizia 26 Settembre 2021

Superbonus 110%, demolizione e ricostruzione con aumento di volumetria di edifici collabenti

I chiarimenti delle Entrate su: nuove costruzioni con aumento volumetrico, cambio di destinazione d’uso, edificio senza APE

Fisco 20 Settembre 2021

Sismabonus 110% e ristrutturazione con ampliamento: quando è agevolabile?

La risposta delle Entrate: ok al sismabonus 110% se l’ampliamento è effettuato con la demolizione e ricostruzione; in caso contrario l’agevolazione è solo sull’edificio esistente

torna all'inizio del contenuto