Notizie

27 Febbraio 2016

Imu immobili in comodato d’uso, come applicare lo sconto?

Risoluzione Mef, i chiarimenti in merito alle agevolazioni Imu di immobili in comodato d’uso dal 2016
In seguito alle varie richieste di chiarimento in merito alle agevolazioni introdotte dalla legge di Stabilità 2016 su Imu immobili in comodato d’uso, il Ministero dell’economia e delle finanze ha pubblicato la risoluzione n. 1/DF/2016.
La legge di Stabilità per il 2016 ha previsto, infatti, un’ulteriore agevolazione per le tasse sulla casa, oltre a quella per l’abitazione principale.
Si tratta di una riduzione del 50% della base imponibile Imu, e quindi anche Tasi, (avendo la stessa base imponibile) per le unità immobiliari concesse in comodato d’uso ai parenti di primo grado (figli e genitori), che la utilizzano come abitazione principale.
Per poter usufruire della riduzione del 50% di Imu e Tasi in caso di immobile concesso in comodato al figlio o al genitore, come chiarito dal Ministero, è necessario che:
• il contratto deve essere registrato
• il comodante deve possedere un solo immobile in Italia
• il comodante deve risiedere anagraficamente e dimorare abitualmente nello stesso comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato
• l’immobile concesso in comodato non deve rientrare tra le categorie catastali A/1, A/8 e A/9 (le cd. “abitazioni di lusso”)
• anche l’immobile del comodante destinato a propria abitazione principale non deve essere classificato tra le abitazioni di lusso
Il Ministero ricorda, inoltre, che è stata abrogata la disposizione che autorizzava i Comuni a disporre l’assimilazione dell’abitazione data in comodato a parenti a quella principale.
Pertanto, a decorrere dal 2016, i Comuni non possono più prevedere tale forma di equiparazione, che determinerebbe, inoltre, l’esenzione totale dall’Imu e Tasi e violerebbe i limiti imposti dal d.lgs. 446/1997 (l’individuazione e definizione delle fattispecie imponibili, dei soggetti passivi e della aliquota massima dei singoli tributi).
Ulteriori chiarimenti vengono, infine, forniti sul concetto di “immobile”, sulla registrazione del contratto di comodato e le pertinenze concesse in comodato unitamente all’immobile, per cui è applicabile il trattamento di favore previsto per l’abitazione.

Ultimi articoli

Edilizia 25 Luglio 2021

Abusi e Condono edilizio: la prova della data di realizzazione dell’opera

Il TAR Lazio chiarisce come deve avvenire la prova della data di costruzione di un manufatto affinché possa essere correttamente inquadrato il titolo edilizio

Edilizia 24 Luglio 2021

Ok al bonus facciate per le spese sostenute da un unico condomino

Il singolo condomino può sostenere per intero le spese per il rifacimento della facciata e godere dell’agevolazione fiscale se autorizzato da delibera condominiale all’unanimità

Edilizia 24 Luglio 2021

Dal CSLLPP i chiarimenti su sismabonus nei centri storici

Commissione CSLLPP: nei centri storici ammessi interventi che determinano la riduzione del rischio sismico senza la verifica dell’intero aggregato. Ecco l’elenco dei lavori ammissibili

Edilizia 24 Luglio 2021

Autorizzazione paesaggistica: scaduti i termini il parere della Soprintendenza è inefficace

Una PA deve considerare inefficace il parere negativo della Soprintendenza che sia giunto fuori dai termini previsti. I chiarimenti del Tar Campania

torna all'inizio del contenuto