Edilizia

6 Dicembre 2020

Muro di contenimento: quale titolo edilizio occorre?

Attenzione, un muro di contenimento del terreno non è paragonabile ad una semplice recinzione; per il primo occorre sempre il permesso di costruire a differenza della seconda che non sempre lo richiede. Ecco i chiarimenti del Tar Campania (sentenza n. 1644/2020).

Il caso

Un condominio realizzava, in assenza di titolo edilizio, alcuni muri di contenimento del terreno all’interno dell’area condominiale destinata a servizi.

I muri erano realizzati con blocchi prefabbricati in calcestruzzo, con sovrastante cordolo in cls.

In particolare, un muro era posto su una gradonata a contenimento di un terrapieno lato strada, sul quale era ricavato uno spazio ad uso parcheggio di autovetture.

Il Comune, accertate le opere realizzate in assenza di titolo edilizio, ne intimava la demolizione poiché per la loro costruzione era necessario il rilascio di un permesso di costruire.

Il condominio, quindi, decideva di impugnare l’ordinanza di demolizione presso il Tar, sostenendo che si trattasse di semplici opere di recinzione (per cui non sarebbe sempre necessario il permesso).

La sentenza del Tar Campania

Per i giudici del Tar, in base alla consolidata giurisprudenza in materia, c’è un evidente differenza tra un muro di contenimento terreno rispetto ad una semplice recinzione, quest’ultima ha caratteristiche tipologiche di minima entità e serve alla mera delimitazione della proprietà.

I togati precisano invece, che un muro di contenimento necessita sempre di permesso di costruire poiché non ha natura pertinenziale ma costituisce un’opera dotata di specificità ed autonomia proprie a causa della sua funzione.

Infatti, i predetti chiariscono che un muro di contenimento consiste in una struttura necessaria a sostenere il terreno al fine di evitarne movimenti franosi in caso di dislivello, originario o modificato che sia.

Per tali motivi, il ricorso non è accolto.

Ultimi articoli

Edilizia 27 Luglio 2021

SUPERBONUS, LE NOVITÀ IN ARRIVO CON LA CONVERSIONE DEL D.L. 77/2021

Tutte le novità in arrivo con la conversione del D.L. 77/2021: Barriere architettoniche; Interventi Onlus, calcolo massimale; CILA 110 e stato legittimo; CILA 110, edilizia libera, varianti in corso d’opera e agibilità; Rispetto delle distanze; Superbonus e agevolazioni prima casa; Sismabonus acquisti e termine per la compravendita.

Edilizia 25 Luglio 2021

Abusi e Condono edilizio: la prova della data di realizzazione dell’opera

Il TAR Lazio chiarisce come deve avvenire la prova della data di costruzione di un manufatto affinché possa essere correttamente inquadrato il titolo edilizio

Edilizia 24 Luglio 2021

Ok al bonus facciate per le spese sostenute da un unico condomino

Il singolo condomino può sostenere per intero le spese per il rifacimento della facciata e godere dell’agevolazione fiscale se autorizzato da delibera condominiale all’unanimità

Edilizia 24 Luglio 2021

Dal CSLLPP i chiarimenti su sismabonus nei centri storici

Commissione CSLLPP: nei centri storici ammessi interventi che determinano la riduzione del rischio sismico senza la verifica dell’intero aggregato. Ecco l’elenco dei lavori ammissibili

torna all'inizio del contenuto