Notizie

23 Febbraio 2017

Sabatini ter, domande fino al 31 dicembre 2018. Ecco come procedere

Sabatini ter, dal 1° marzo le domande per gli investimenti con contributo maggiorato per gli investimenti 4.0. Le istruzioni del Mise per accedere ai finanziamenti per l’acquisto di beni strumentali

Il dl 69/2013 ha istituito la Nuova Sabatini, lo strumento agevolativo che consente di accedere a finanziamenti per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte di piccole e medie imprese.

In particolare, è prevista la concessione di finanziamenti da parte di banche o società di leasing, aderenti alla Convenzione MiSE-ABI-Cdp. Si tratta di finanziamenti agevolati in cui il contributo va a coprire parte degli interessi sui finanziamenti bancari ed è pari all’ammontare complessivo degli interessi calcolati al tasso del 2,75%, su un piano convenzionale di ammortamento, con rate semestrali costanti e della durata di 5 anni, di importo corrispondente al finanziamento.

I contributi sono concessi secondo le modalità fissate nel decreto 25 gennaio 2016 e nella circolare 26673/2016.

Il 31 dicembre 2016 era il termine previsto per la concessione dei finanziamenti.

Sabatini ter, le novità introdotte dalla legge di Bilancio 2017

La legge di Bilancio 2017 ha prorogato al 31 dicembre 2018 il termine per la concessione dei finanziamenti per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte delle piccole e medie imprese.

In particolare, l’art. 1 legge di Bilancio 2017 ha disposto:

  • la proroga fino al 31 dicembre 2018 per la concessione dei finanziamenti di banche e intermediari finanziari
  • lo stanziamento di ulteriori 560 milioni di euro, relativamente agli anni 2017-2023, per la corresponsione dei contributi a favore delle Pmi
  • l’ammissione anche a investimenti in tecnologie digitali e tracciamento e pesatura rifiuti, investimenti 4.0
  • una maggiorazione del 30% del contributo statale in conto impianti per gli investimenti in tecnologie digitali e tracciamento e pesatura rifiuti, rispetto agli investimenti ordinari
  • una riserva pari al 20% delle risorse complessivamente stanziate dalla legge di Bilancio 2017, per far fronte ai contributi statali in conto impianti maggiorati

Considerata, quindi, la necessità di estendere l’operatività dello strumento anche ad investimenti in tecnologie digitali ed ai sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti, dal 2 gennaio 2017 è stato riaperto lo sportello per la presentazione delle domande (decreto direttoriale 22 dicembre 2016).

Circolare Mise 14036/2016, le istruzioni

Il Mise, Ministro dello sviluppo economico, ha fornito (circolare 1403/2017) le istruzioni necessarie alla corretta attuazione degli interventi, nonché gli schemi di domanda e di dichiarazione e l’ulteriore documentazione che l’impresa è tenuta a presentare per poter beneficiare delle agevolazioni.

I soggetti beneficiari sono le Pmi, anche estere con sede in uno Stato membro dell’UE, operanti in tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura e pesca che investono in beni strumentali.

I requisiti per accedere all’agevolazione finanziaria sono così fissati:

  • i beni strumentali acquistati devono essere nuovi
  • il finanziamento bancario (o leasing) deve essere di durata non superiore a 5 anni, comprensiva del periodo di preammortamento o di prelocazione
  • l’erogazione del contributo è subordinata al completamento dell’investimento, da effettuarsi entro 12 mesi dalla stipula del finanziamento/contratto di leasing

Le disposizioni indicate nella circolare si applicano a tutte le domande, ovvero sia a quelle relative agli investimenti ordinari, sia a quelle relative agli investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti, investimenti 4.0.

Nel dettaglio, ecco i punti principali analizzati nel documento:

  • descrizione del procedimento
  • soggetti beneficiari
  • caratteristiche del finanziamento
  • investimenti ammissibili
  • spese ammissibili
  • agevolazioni concedibili
  • modalità e termini di presentazione della domanda
  • procedura di concessione del contributo
  • erogazione delle agevolazioni

Termini di invio delle domande della Sabatini ter

Per gli investimenti ordinari lo sportello del Mise ha riaperto il 2 gennaio 2017.

Per gli investimenti che godono del contributo maggiorato, investimenti 4.0, le imprese possono presentare le istanze a partire dal 1° marzo 2017 (decreto 16 febbraio 2017, n. 811).

Nella domanda dovrà essere indicata esattamente la ripartizione tra investimenti ordinari e investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

I moduli per la domanda di agevolazione e tutti gli altri moduli in PDF, necessari per l’accesso al finanziamento Sabatini ter sono disponibili sul sito del Ministero.

Ultimi articoli

Edilizia 27 Luglio 2021

SUPERBONUS, LE NOVITÀ IN ARRIVO CON LA CONVERSIONE DEL D.L. 77/2021

Tutte le novità in arrivo con la conversione del D.L. 77/2021: Barriere architettoniche; Interventi Onlus, calcolo massimale; CILA 110 e stato legittimo; CILA 110, edilizia libera, varianti in corso d’opera e agibilità; Rispetto delle distanze; Superbonus e agevolazioni prima casa; Sismabonus acquisti e termine per la compravendita.

Edilizia 25 Luglio 2021

Abusi e Condono edilizio: la prova della data di realizzazione dell’opera

Il TAR Lazio chiarisce come deve avvenire la prova della data di costruzione di un manufatto affinché possa essere correttamente inquadrato il titolo edilizio

Edilizia 24 Luglio 2021

Ok al bonus facciate per le spese sostenute da un unico condomino

Il singolo condomino può sostenere per intero le spese per il rifacimento della facciata e godere dell’agevolazione fiscale se autorizzato da delibera condominiale all’unanimità

Edilizia 24 Luglio 2021

Dal CSLLPP i chiarimenti su sismabonus nei centri storici

Commissione CSLLPP: nei centri storici ammessi interventi che determinano la riduzione del rischio sismico senza la verifica dell’intero aggregato. Ecco l’elenco dei lavori ammissibili

torna all'inizio del contenuto