Edilizia

12 Maggio 2018

SCIA: il termine massimo di durata temporale è 3 anni

Tar Molise: avendo la SCIA sostituito la DIA, si deve fare genericamente riferimento al termine di efficacia di tre anni

Con sentenza 226/2018 dello scorso 23 aprile, il Tar Molise ha chiarito che il termine di durata temporale della segnalazione certificata di inizio attivià è di 3 anni.

I titoli abilitativi edilizi (permesso di costruire, DIA, SCIA, CIL e CILA), hanno ricordato i giudici amministrativi, hanno una durata limitata nel tempo e, tuttavia, esistono casi in cui è possibile la proroga dell’inizio e dell’ultimazione dei lavori.

Nel caso di specie, il problema della controversia riguarda il protrarsi del termine di ultimazione dei lavori edilizi, per effetto degli interventi sopravvenuti in successione, sulla base di ben cinque segnalazioni certificate di inizio di attività (SCIA), con la conseguenza di creare problematiche in merito alla scadenza per il pagamento dei costi di costruzione.

I giudici amministrativi evidenziano che, ai sensi dell’art. 19 della legge 241/1990 e degli artt. 22 e 23-bis del dpr 380/2001, la SCIA soggiace ai seguenti termini:

  1. per l’inizio lavori, la decorrenza è immediatamente dopo la presentazione della SCIA medesima (o subito dopo l’acquisizione di eventuali atti di assenso o pareri);
  2. per la fine dei lavori non è espressamente specificato il termine della SCIA (né dal dpr 380/2001, né dalla legge 241/1990) e, tuttavia, si ritiene che, avendo la SCIA sostituito la DIA, si debba fare genericamente riferimento al termine di efficacia di tre anni.

Per la SCIA, com’è noto, non è possibile chiedere una proroga ma la realizzazione della parte non ultimata di intervento è subordinata a una nuova SCIA. Ciò nondimeno, la SCIA in variante rispetto a un precedente permesso di costruire produce necessariamente l’effetto di far slittare i termini di ultimazione del presupposto permesso di costruire.

Nel caso si specie, se il comune riconosce – sia pure implicitamente – la non decadenza dell’originario titolo edilizio, non può poi negare che la proroga del termine di ultimazione dei lavori di costruzione edilizia per effetto di sopravvenute SCIA possa e debba incidere anche sul termine ultimo di pagamento del contributo di costruzione.

In allegato, la sentenza 226/2018 del Tar Molise.

Ultimi articoli

Edilizia 5 Dicembre 2022

False pergotende: se l’opera è stabilmente infissa e crea nuovo volume è una nuova costruzione

Consiglio di Stato: per configurarsi come pergotenda, l’opera principale deve essere costituita non dalla struttura in sé, ma dalla tenda, quale elemento di protezione dal sole o dagli agenti atmosferici, con la conseguenza che la struttura deve qualificarsi in termini di mero elemento accessorio

Edilizia 27 Novembre 2022

CILA Superbonus: può essere negata o inibita?

La CILAS parimenti alla CILA non può essere negata tantomeno inibita poiché, in qualità di comunicazione, non prevede una fase di controllo. Lo chiarisce il Tar Campania

Edilizia 26 Novembre 2022

Soppalco: se c’è aumento del carico urbanistico serve il permesso di costruire

Consiglio di Stato: non basta la SCIA per un soppalco costituito da un solaio orizzontale posto all'interno di un locale dell'immobile al fine di ricavare uno spazio aggiuntivo, che si configura come ristrutturazione edilizia

Edilizia 28 Ottobre 2022

Ristrutturazione edilizia: le differenze con il restauro o il risanamento conservativo

Consiglio di Stato: mentre la ristrutturazione può condurre ad un “un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente”, il restauro e il risanamento conservativo non possono mai portare a ridetto organismo in tutto o in parte diverso dal preesistente, avendo sempre la finalità di conservare l'organismo edilizio ovvero di assicurarne la funzionalità

torna all'inizio del contenuto