Edilizia

29 Novembre 2018

Soppalco di grandi dimensioni, quale titolo abilitativo è necessario?

Il Tar Campania chiarisce che per la realizzazione di un soppalco di grandi dimensioni serve il permesso di costruire, poiché comporta una ristrutturazione ed un aumento di superfici

Con la sentenza n. 6385/2018 il Tar Campania chiarisce per la realizzazione di un soppalco di grandi dimensioni è necessario il permesso di costruire poiché comporta una sostanziale ristrutturazione dell’immobile preesistente, con incremento delle superfici e, in prospettiva, un ulteriore carico urbanistico.

Nel caso il soppalco sia tale da non incrementare la superficie dell’immobile, invece, si rientrerà nell’ambito degli interventi edilizi minori per i quali il permesso di costruire non è richiesto.

I fatti in breve

I proprietari di un capannone industriale impugnavano l’ordinanza comunale con cui si sanzionava “l’abusiva realizzazione di un solaio intermedio di circa 850 mq impostato a circa 3,50 metri dal calpestio del solaio sottostante”.

Il Tar Campania premetteva che:

la tesi della parte ricorrente secondo cui si tratterebbe di una semplice controsoffittatura non può essere accolta. L’opera, infatti, è collegata con dei rampanti scala e con un impianto ascensore, collegamenti che rivelano la calpestabilità del manufatto e dimostrano che la natura dell’intervento non è tale da determinare solo un abbassamento del soffitto (funzione propria della controsoffittatura).

L’intervento era, quindi, identificabile in un ampio soppalco ossia uno spazio aggiuntivo ricavato all’interno di un locale, mediante l’interposizione di un solaio.

I giudici chiarivano, inoltre, che:

la disciplina edilizia applicabile ai soppalchi non è definita in modo univoco, ma va apprezzata caso per caso, in relazione alle caratteristiche del manufatto. In linea di principio, è necessario il permesso di costruire quando il soppalco sia di dimensioni non modeste e comporti una sostanziale ristrutturazione dell’immobile preesistente, ai sensi dell’art. 3, comma 1, dpr n. 380/2001, con incremento delle superfici dell’immobile e, in prospettiva, ulteriore carico urbanistico; si rientrerà invece nell’ambito degli interventi edilizi minori, per i quali comunque il permesso di costruire non è richiesto, ove il soppalco sia tale da non incrementare la superficie dell’immobile.

Nel caso specifico l’intervento rientrava nel novero degli interventi di ristrutturazione edilizia: necessitava, quindi, di permesso di costruire e determinava una modifica della superficie utile dell’immobile con conseguente aggravio del carico urbanistico.

Ultimi articoli

Edilizia 27 Luglio 2021

SUPERBONUS, LE NOVITÀ IN ARRIVO CON LA CONVERSIONE DEL D.L. 77/2021

Tutte le novità in arrivo con la conversione del D.L. 77/2021: Barriere architettoniche; Interventi Onlus, calcolo massimale; CILA 110 e stato legittimo; CILA 110, edilizia libera, varianti in corso d’opera e agibilità; Rispetto delle distanze; Superbonus e agevolazioni prima casa; Sismabonus acquisti e termine per la compravendita.

Edilizia 25 Luglio 2021

Abusi e Condono edilizio: la prova della data di realizzazione dell’opera

Il TAR Lazio chiarisce come deve avvenire la prova della data di costruzione di un manufatto affinché possa essere correttamente inquadrato il titolo edilizio

Edilizia 24 Luglio 2021

Ok al bonus facciate per le spese sostenute da un unico condomino

Il singolo condomino può sostenere per intero le spese per il rifacimento della facciata e godere dell’agevolazione fiscale se autorizzato da delibera condominiale all’unanimità

Edilizia 24 Luglio 2021

Dal CSLLPP i chiarimenti su sismabonus nei centri storici

Commissione CSLLPP: nei centri storici ammessi interventi che determinano la riduzione del rischio sismico senza la verifica dell’intero aggregato. Ecco l’elenco dei lavori ammissibili

torna all'inizio del contenuto