Notizie

24 Aprile 2015

CIL e CILA, Permesso di Costruire e SCIA: ecco i nuovi modelli Campania

A seguito del D.L. 90/2014, in materia di semplificazioni per cittadini e Pubbliche Amministrazioni è prevista l’adozione di modelli standard, validi su tutto il territorio nazionale, per la presentazione di istanza del permesso di costruire, segnalazioni e comunicazioni dell’avvio dell’attività in materia edilizia.

Con Decreto dirigenziale del 2 aprile 2015, n. 17, la Regione Campania ha adottato la modulistica unificata e semplificata relativa a:

 

  • Comunicazione di Inizio Lavori (CIL)
  • Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (CILA)
  • Permesso di Costruire (PdC)
  • Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA)

Nei modelli CIL e CILA adottati in Campania, rispetto a quelli nazionali, è stata inserita la comunicazione antimafia circa la dichiarazione, per i casi previsti dall’art. 67 del D. Lgs 159 del 06/09/2011,  che nei propri confronti non sussistono le cause di divieto, di decadenza o sospensione di cui all’art. 67 del D.Lgs 06/09/2011, n. 159.

Ultimi articoli

Edilizia 18 Gennaio 2021

Titoli abilitativi edilizi

Le proroghe previste dalle ultime legislazioni: L. n. 27/2020 “Cura Italia” – L. n. 120/2020 “Semplificazione” – - L. n. 159/2020 “Emergenza da COVID -19, con il D. L. n. 02 del 14 gennaio 2021”

Fisco 16 Gennaio 2021

Legge Bilancio 2021 #1 – esonero contributivo per gli iscritti alla Cassa/INPS

Previsto l’esonero dai contributi previdenziali per i professionisti che abbiano percepito nel 2019 un reddito complessivo non superiore a 50.000 euro

Fisco 16 Gennaio 2021

Ecco il Bonus idrico: 1000 euro per sostituire rubinetti e sanitari

La legge di Bilancio 2021 ha introdotto il nuovo bonus per il risparmio di risorse idriche: 1000 euro per sostituire sanitari e rubinetterie che consumano meno acqua

Edilizia 16 Gennaio 2021

Altezza dei fabbricati nei centri storici: quali sono i limiti da rispettare?

In un centro storico le altezze degli edifici da risanare devono rispettare quelle dei fabbricati limitrofi preesistenti. I chiarimenti del Tar Veneto

torna all'inizio del contenuto