Notizie

2 Febbraio 2017

Deroga contributo minimo Inarcassa, entro il 31 maggio le domande

Deroga contributo minimo Inarcassa per ingegneri e architetti con fatturato inferiore a 15.724 euro: come si richiede e quali sono i requisiti

Ingegneri e architetti con fatturato inferiore a 15.724 euro possono presentare richiesta di deroga al contributo minimo soggettivo Inarcassa entro il 31 maggio 2017.

A partire dal 1° gennaio 2014, il Regolamento generale di previdenza 2012 prevede la possibilità di derogare all’obbligo di contribuzione minima nel caso si prevede di produrre redditi inferiori al valore corrispondente al contributo minimo soggettivo.

In pratica, ingegneri e architetti iscritti ad Inarcassa con fatturato inferiore a 15.724 Euro possono derogare per un massimo di 5 anni, anche non continuativi, nell’arco di vita lavorativa.

Pertanto, possono richiedere di non versare il contributo soggettivo minimo pari a 2.275 euro e pagare soltanto il 14,5% del reddito effettivamente prodotto entro dicembre 2017, dopo la presentazione della dichiarazione on-line.

I requisiti

Per accedere alla proroga è necessario:

  • essere iscritto ad Inarcassa al momento della richiesta
  • non essere pensionando o pensionato Inarcassa
  • non usufruire della riduzione per i giovani under 35 anni
  • non aver esercitato la facoltà di deroga già per 5 volte

La domanda

Entro il 31 maggio 2017 deve essere inviata la domanda di deroga, esclusivamente in via telematica tramite l’applicativo disponibile nell’area riservata di Inarcassa On Line al menù “Agevolazioni – Deroga contributo soggettivo minimo”.

Ultimi articoli

Edilizia 4 Aprile 2021

L’utilizzo del gazebo determina il titolo abilitativo: quando serve il permesso di costruire

Tar Molise: il gazebo destinato ad un uso permanente è un intervento di nuova costruzione necessitante il permesso di costruire

Fisco 3 Aprile 2021

Superbonus: sì alla demolizione e ricostruzione con ampliamento di volume

Dalle Entrate nuovi chiarimenti sul Superbonus nel caso di demolizione e ricostruzione con ampliamento di volume e modifica dell’area di sedime

Fisco 3 Aprile 2021

Demolizione e ricostruzione: no all’ecobonus 110 per la volumetria eccedente

Dalle Entrate il no all’ecobonus 110% applicato alla volumetria eccedente dopo una demolizione/ricostruzione. Sì al sismabonus 110% per quella stessa volumetria in più

Edilizia 3 Aprile 2021

Fiscalizzazione dell’abuso edilizio: non è mai possibile in area vincolata

Cassazione: in casi particolari di abuso edilizio è possibile convertire la sanzione demolitoria in sanzione pecuniaria, ma ciò non è mai attuabile in aree vincolate

torna all'inizio del contenuto