Notizie

2 Febbraio 2017

Deroga contributo minimo Inarcassa, entro il 31 maggio le domande

Deroga contributo minimo Inarcassa per ingegneri e architetti con fatturato inferiore a 15.724 euro: come si richiede e quali sono i requisiti

Ingegneri e architetti con fatturato inferiore a 15.724 euro possono presentare richiesta di deroga al contributo minimo soggettivo Inarcassa entro il 31 maggio 2017.

A partire dal 1° gennaio 2014, il Regolamento generale di previdenza 2012 prevede la possibilità di derogare all’obbligo di contribuzione minima nel caso si prevede di produrre redditi inferiori al valore corrispondente al contributo minimo soggettivo.

In pratica, ingegneri e architetti iscritti ad Inarcassa con fatturato inferiore a 15.724 Euro possono derogare per un massimo di 5 anni, anche non continuativi, nell’arco di vita lavorativa.

Pertanto, possono richiedere di non versare il contributo soggettivo minimo pari a 2.275 euro e pagare soltanto il 14,5% del reddito effettivamente prodotto entro dicembre 2017, dopo la presentazione della dichiarazione on-line.

I requisiti

Per accedere alla proroga è necessario:

  • essere iscritto ad Inarcassa al momento della richiesta
  • non essere pensionando o pensionato Inarcassa
  • non usufruire della riduzione per i giovani under 35 anni
  • non aver esercitato la facoltà di deroga già per 5 volte

La domanda

Entro il 31 maggio 2017 deve essere inviata la domanda di deroga, esclusivamente in via telematica tramite l’applicativo disponibile nell’area riservata di Inarcassa On Line al menù “Agevolazioni – Deroga contributo soggettivo minimo”.

Ultimi articoli

Edilizia 25 Luglio 2021

Abusi e Condono edilizio: la prova della data di realizzazione dell’opera

Il TAR Lazio chiarisce come deve avvenire la prova della data di costruzione di un manufatto affinché possa essere correttamente inquadrato il titolo edilizio

Edilizia 24 Luglio 2021

Ok al bonus facciate per le spese sostenute da un unico condomino

Il singolo condomino può sostenere per intero le spese per il rifacimento della facciata e godere dell’agevolazione fiscale se autorizzato da delibera condominiale all’unanimità

Edilizia 24 Luglio 2021

Dal CSLLPP i chiarimenti su sismabonus nei centri storici

Commissione CSLLPP: nei centri storici ammessi interventi che determinano la riduzione del rischio sismico senza la verifica dell’intero aggregato. Ecco l’elenco dei lavori ammissibili

Edilizia 24 Luglio 2021

Autorizzazione paesaggistica: scaduti i termini il parere della Soprintendenza è inefficace

Una PA deve considerare inefficace il parere negativo della Soprintendenza che sia giunto fuori dai termini previsti. I chiarimenti del Tar Campania

torna all'inizio del contenuto