Notizie

2 Febbraio 2017

Studi di settore 2017, i nuovi modelli con meno dati e numeri da inserire

Studi di settore 2017, approvati i nuovi modelli con meno dati e numeri da inserire a cura dei contribuenti. Le novità nel provvedimento delle Entrate

Gli studi di settore sono uno strumento utilizzato dal Fisco per stimare i ricavi o i compensi da attribuire al contribuente.

Gli studi di settore, ricordiamo, si applicano agli esercenti, attività di impresa o di lavoro autonomo, i quali:

  • svolgono, come prevalente, un’attività per la quale risulta approvato un apposito studio di settore
  • non presentano una causa di esclusione o di inapplicabilità

In base al dl 193/2016, gli studi di settore cederanno il posto agli indicatori di compliance la cui composizione sarà completamente diversa rispetto agli odierni studi di settore.

Per il periodo 2016 l’Agenzia delle Entrate ha approvato (provvedimento 31 gennaio 2017) i nuovi modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore e relative istruzioni.

Studi di settore 2017, i nuovi modelli

Sono stati approvati 193 modelli, di cui:

  • 50 studi per il settore delle manifatture
  • 53 studi per il settore dei servizi
  • 24 studi per i professionisti
  • 66 studi per il settore del commercio

Fra le novità si segnala una semplificazione dei modelli, con un minor numero di informazioni da inserire: una riduzione pari al 25% delle informazioni rispetto la precedente annualità. È diminuito, inoltre, il numero di studi con accorpamenti.

Tutto ciò rappresenta un evidente beneficio in termini di riduzione degli adempimenti per i contribuenti, con conseguente alleggerimento di quadri e variabili, circa 5.300 in meno.

I nuovi modelli contengono anche le informazioni relative ai correttivi crisi, tra cui l’eventualità degli eventi sismici.

La modulistica va inviata per via telematica unitamente alla dichiarazione dei redditi per il periodo d’imposta 2016.

I modelli  sono disponibili  sul sito dell’Agenzia delle Entrate, nel rispetto, in fase di stampa, delle caratteristiche tecniche contenute nell’allegato 2 al provvedimento.

Ultimi articoli

Edilizia 27 Luglio 2021

SUPERBONUS, LE NOVITÀ IN ARRIVO CON LA CONVERSIONE DEL D.L. 77/2021

Tutte le novità in arrivo con la conversione del D.L. 77/2021: Barriere architettoniche; Interventi Onlus, calcolo massimale; CILA 110 e stato legittimo; CILA 110, edilizia libera, varianti in corso d’opera e agibilità; Rispetto delle distanze; Superbonus e agevolazioni prima casa; Sismabonus acquisti e termine per la compravendita.

Edilizia 25 Luglio 2021

Abusi e Condono edilizio: la prova della data di realizzazione dell’opera

Il TAR Lazio chiarisce come deve avvenire la prova della data di costruzione di un manufatto affinché possa essere correttamente inquadrato il titolo edilizio

Edilizia 24 Luglio 2021

Ok al bonus facciate per le spese sostenute da un unico condomino

Il singolo condomino può sostenere per intero le spese per il rifacimento della facciata e godere dell’agevolazione fiscale se autorizzato da delibera condominiale all’unanimità

Edilizia 24 Luglio 2021

Dal CSLLPP i chiarimenti su sismabonus nei centri storici

Commissione CSLLPP: nei centri storici ammessi interventi che determinano la riduzione del rischio sismico senza la verifica dell’intero aggregato. Ecco l’elenco dei lavori ammissibili

torna all'inizio del contenuto