Notizie

7 Settembre 2017

E’ possibile aprire una porta con veduta diretta senza violare le norme sulle distanze tra costruzioni?

Distanze tra costruzioni: la Cassazione sancisce che l’apertura di una porta di accesso al lastrico solare costituisce veduta diretta sul fondo del vicino se posta a meno di 1,5 m dal confine

Il proprietario di un immobile conveniva in giudizio il vicino per la realizzazione dei seguenti manufatti:

  1. apertura di una portago
  2. sull’adiacente lastrico solare, in violazione delle norme concernenti le distanze tra costruzioni per le vedute dirette (art. 905 c.c.)
  3. edificazione di un muro di confine, in violazione del rispetto dell’altezza massima di 3 metri (art. 886 c.c.)

Il giudice di primo grado, sulla base degli accertamenti eseguiti dal CTU, aveva ritenuto l’irregolarità di dette opere ordinando la rimozione dalla veduta e la sopraelevazione del muro di confine fino ad un’altezza di 3 metri dal piano di calpestio.

A seguito del ricorso, interposto dal convenuto, la Corte di Appello accoglieva il gravame. Il giudice escludeva che la porta di accesso al lastrico solare, essendo in ferro, costituisse veduta e negava l’esistenza dell’obbligo d’innalzare il muro di confine.

Contro tale decisione il proprietario dell’immobile proponeva ricorso per Cassazione.

Sentenza Corte di Cassazione n. 20273/2017

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 20273/2017 si esprime sul ricorso presentato dal proprietario dell’immobile.

Il ricorrente lamenta che la Corte di Appello abbia erroneamente ritenuto che l’apertura della porta sul lastrico solare adiacente alla sua proprietà non comporti alcuna violazione delle norme concernenti le distanze tra costruzioni, in particolare quanto alle vedute dirette.

La Cassazione, in via preliminare, precisa che dalla porta in ferro, è possibile affacciarsi sul lastrico solare da una distanza di 0,73 metri dal confine, inferiore a quella minima prevista pari a 1,5 metri.

Secondo gli Ermellini la porta in ferro può essere considerata una veduta in quanto risulta possibile, in via normale l’esercizio della “prospectio” ed “inspectio” su o verso il fondo del vicino.

Pertanto la Corte di Cassazione accoglie il ricorso stabilendo che, oltre il materiale con cui è stata realizzata la porta, bisogna considerare lo stato dei luoghi, ossia gli altri elementi obiettivi di carattere strutturale e funzionale, determinanti al fine di accertare l’esistenza o meno di una veduta.

Ultimi articoli

Edilizia 27 Luglio 2021

SUPERBONUS, LE NOVITÀ IN ARRIVO CON LA CONVERSIONE DEL D.L. 77/2021

Tutte le novità in arrivo con la conversione del D.L. 77/2021: Barriere architettoniche; Interventi Onlus, calcolo massimale; CILA 110 e stato legittimo; CILA 110, edilizia libera, varianti in corso d’opera e agibilità; Rispetto delle distanze; Superbonus e agevolazioni prima casa; Sismabonus acquisti e termine per la compravendita.

Edilizia 25 Luglio 2021

Abusi e Condono edilizio: la prova della data di realizzazione dell’opera

Il TAR Lazio chiarisce come deve avvenire la prova della data di costruzione di un manufatto affinché possa essere correttamente inquadrato il titolo edilizio

Edilizia 24 Luglio 2021

Ok al bonus facciate per le spese sostenute da un unico condomino

Il singolo condomino può sostenere per intero le spese per il rifacimento della facciata e godere dell’agevolazione fiscale se autorizzato da delibera condominiale all’unanimità

Edilizia 24 Luglio 2021

Dal CSLLPP i chiarimenti su sismabonus nei centri storici

Commissione CSLLPP: nei centri storici ammessi interventi che determinano la riduzione del rischio sismico senza la verifica dell’intero aggregato. Ecco l’elenco dei lavori ammissibili

torna all'inizio del contenuto