Fisco

11 Luglio 2020

Pagamenti in contante: il limite scende da 3.000 a 2.000 euro

Dal 1° luglio il limite per i pagamenti in contanti scende da 3.000 a 2.000 euro, una delle novità introdotte dal decreto Fiscale

Il 1° luglio è entrato in vigore il decreto Fiscale (legge n. 157/2019 di conversione del decreto legge n. 124/2019) che incentiva l’uso di pagamenti digitali (pagamenti POS) e premia i professionisti e gli esercenti che ne fanno uso.

Tra le novità introdotte dal decreto, le modifiche al regime dell’utilizzo del contante: a partire dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021, sarà in vigore il divieto all’utilizzo del contante per cifre al di sopra dei 2.000 euro.

In pratica, dal 1° luglio è in vigore il divieto di trasferimenti di denaro liquido di oltre 2.000 euro fra soggetti diversi; a decorrere dal 1° gennaio 2022, la soglia si abbasserà a 1.000 euro.

Lo scopo è di incentivare l’utilizzo di mezzi di pagamento con metodi tracciabili.

Inoltre, il decreto ha previsto in favore di esercenti attività d’impresa, arte e professioni, con ricavi o compensi nel periodo d’imposta precedente non superiori a 400.000 euro, un credito d’imposta  del 30% sulle commissioni addebitate dagli intermediari per le transazioni elettroniche effettuate dai consumatori dal 1° luglio 2020.

Ultimi articoli

Edilizia 23 Maggio 2022

Conversione DL Ucraina ed Energia: proroga di 1 anno per permessi di costruire e autorizzazioni

L'articolo 10-septies della legge 51/2022 proroga di un anno i termini di determinate autorizzazioni amministrative rientranti nel settore dell’edilizia privata e i termini delle convenzioni di lottizzazione urbanistica

Edilizia 23 Maggio 2022

Conversione DL Ucraina ed Energia: le misure per le fonti rinnovabili in edilizia

La legge 51/2022 contiene alcune novità di rilievo in materia di autorizzazioni e VAS

Edilizia 12 Maggio 2022

Edificio abusivo in zona paesaggistica: differenze tra permesso e autorizzazione

Consiglio di Stato: non occorre il previo annullamento della sanatoria di opera edilizia abusiva, al fine di negare il completamento di un edificio abusivo in zona paesaggistica

torna all'inizio del contenuto