Notizie

5 Luglio 2017

Registrazione contratti di locazione, pubblicato il nuovo modello dell’Agenzia delle Entrate RLI (Registrazione Locazioni Immobili)

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il provvedimento n. 112605 del 15 giugno 2017, con il quale segnala l’approvazione del nuovo modello RLI (Registrazione Locazioni Immobili).

Il modello deve essere adoperato per la richiesta di registrazione e adempimenti successivi relativa a contratti di locazione e affitto di immobili.

Il modello può essere utilizzato per i seguenti scopi:

  • registrare contratti di locazione e affitto di immobili
  • comunicare eventuali proroghe, cessioni, risoluzioni o subentri
  • esercitare l’opzione e la revoca della cedolare secca
  • comunicare i dati catastali dell’immobile oggetto di locazione o affitto

Il nuovo modello sostituisce il precedente modello RLI del 10 gennaio 2014, a decorrere dal 19 settembre 2017.

Pertanto valgono le seguenti regole:

  • fino al 18 settembre 2017, per l’effettuazione dell’adempimento, deve essere utilizzato il Modello RLI attualmente in uso, approvato con il provvedimento del 10 gennaio 2014
  • dal 19 settembre 2017 dovrà essere utilizzato esclusivamente il nuovo modello

Come si compila il modello

È necessario compilare i campi in alto, per ciascuna pagina, riportando:

  • il codice fiscale del contribuente che richiede la registrazione (o di chi comunica l’adempimento successivo)
  • il numero di modulo che si sta compilando (ove necessario)

Se a richiedere la registrazione è un soggetto diverso dalla persona fisica andrà riportato il codice fiscale della società o dell’ente.

Descrizione e contenuto del modello

Il modello è composto dai seguenti campi:

  • QUADRO A “Dati generali”:
    • SEZIONE I: registrazione del contratto:
      • la tipologia del contratto
      • la data di stipula
      • la durata della locazione
    • SEZIONE II: Adempimento successivo
      • proroga, cessione, subentro e risoluzione
    • SEZIONE III – Dati Richiedente
    • SEZIONE riservata alla presentazione in via telematica
  • QUADRO B “Soggetti”:
    • SEZIONE I – Dati del locatore
    • SEZIONE II – Dati del conduttore
  • QUADRO C “Dati degli immobili”:
    • immobili principali
    • relative pertinenze
  • QUADRO D “Locazione ad uso abitativo e opzione/revoca cedolare secca”, contenente le informazioni relative al regime della cedolare secca
  • QUADRO E “Locazione con canoni differenti per una o più annualità”, in cui possono essere indicati i diversi canoni di locazione pattuiti nel contratto per le successive annualità

Modalità di presentazione

Il modello può essere presentato o per via diretta o in modalità telematica.

Il modello può essere presentato in via telematica in forma semplificata senza l’allegazione della copia del testo contrattuale in presenza delle seguenti caratteristiche:

  • un numero di locatori e di conduttori, rispettivamente, non superiore a tre
  • una sola unità abitativa ed un numero di pertinenze non superiore a tre
  • tutti gli immobili devono essere censiti con attribuzione di rendita
  • il contratto contiene esclusivamente la disciplina del rapporto di locazione e, pertanto, non comprende ulteriori pattuizioni
  • il contratto è stipulato tra persone fisiche che non agiscono nell’esercizio di un’impresa, arte o professione

Clicca qui per scaricare il nuovo modello RLI

Ultimi articoli

Edilizia 17 Ottobre 2021

IL PERICOLO DEL GAS RADON

Il gas radon è uno dei principali agenti dell’inquinamento indoor e si concentra in particolare nei luoghi con scarsa ventilazione.

Edilizia 13 Ottobre 2021

Quando la piscina può essere considerata pertinenza

Tar Salerno: la piscina pertinenziale è compatibile con la destinazione agricola della zona laddove essa costituisca una legittima pertinenza dell’edificio residenziale principale

Edilizia 30 Settembre 2021

Superbonus, verso la proroga al 2023

Approvata la Nota di aggiornamento del Def che lascia margini per l’ipotesi di proroga Superbonus per il 2023

Edilizia 26 Settembre 2021

Superbonus 110%, demolizione e ricostruzione con aumento di volumetria di edifici collabenti

I chiarimenti delle Entrate su: nuove costruzioni con aumento volumetrico, cambio di destinazione d’uso, edificio senza APE

torna all'inizio del contenuto