Notizie

5 Luglio 2017

Registrazione contratti di locazione, pubblicato il nuovo modello dell’Agenzia delle Entrate RLI (Registrazione Locazioni Immobili)

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il provvedimento n. 112605 del 15 giugno 2017, con il quale segnala l’approvazione del nuovo modello RLI (Registrazione Locazioni Immobili).

Il modello deve essere adoperato per la richiesta di registrazione e adempimenti successivi relativa a contratti di locazione e affitto di immobili.

Il modello può essere utilizzato per i seguenti scopi:

  • registrare contratti di locazione e affitto di immobili
  • comunicare eventuali proroghe, cessioni, risoluzioni o subentri
  • esercitare l’opzione e la revoca della cedolare secca
  • comunicare i dati catastali dell’immobile oggetto di locazione o affitto

Il nuovo modello sostituisce il precedente modello RLI del 10 gennaio 2014, a decorrere dal 19 settembre 2017.

Pertanto valgono le seguenti regole:

  • fino al 18 settembre 2017, per l’effettuazione dell’adempimento, deve essere utilizzato il Modello RLI attualmente in uso, approvato con il provvedimento del 10 gennaio 2014
  • dal 19 settembre 2017 dovrà essere utilizzato esclusivamente il nuovo modello

Come si compila il modello

È necessario compilare i campi in alto, per ciascuna pagina, riportando:

  • il codice fiscale del contribuente che richiede la registrazione (o di chi comunica l’adempimento successivo)
  • il numero di modulo che si sta compilando (ove necessario)

Se a richiedere la registrazione è un soggetto diverso dalla persona fisica andrà riportato il codice fiscale della società o dell’ente.

Descrizione e contenuto del modello

Il modello è composto dai seguenti campi:

  • QUADRO A “Dati generali”:
    • SEZIONE I: registrazione del contratto:
      • la tipologia del contratto
      • la data di stipula
      • la durata della locazione
    • SEZIONE II: Adempimento successivo
      • proroga, cessione, subentro e risoluzione
    • SEZIONE III – Dati Richiedente
    • SEZIONE riservata alla presentazione in via telematica
  • QUADRO B “Soggetti”:
    • SEZIONE I – Dati del locatore
    • SEZIONE II – Dati del conduttore
  • QUADRO C “Dati degli immobili”:
    • immobili principali
    • relative pertinenze
  • QUADRO D “Locazione ad uso abitativo e opzione/revoca cedolare secca”, contenente le informazioni relative al regime della cedolare secca
  • QUADRO E “Locazione con canoni differenti per una o più annualità”, in cui possono essere indicati i diversi canoni di locazione pattuiti nel contratto per le successive annualità

Modalità di presentazione

Il modello può essere presentato o per via diretta o in modalità telematica.

Il modello può essere presentato in via telematica in forma semplificata senza l’allegazione della copia del testo contrattuale in presenza delle seguenti caratteristiche:

  • un numero di locatori e di conduttori, rispettivamente, non superiore a tre
  • una sola unità abitativa ed un numero di pertinenze non superiore a tre
  • tutti gli immobili devono essere censiti con attribuzione di rendita
  • il contratto contiene esclusivamente la disciplina del rapporto di locazione e, pertanto, non comprende ulteriori pattuizioni
  • il contratto è stipulato tra persone fisiche che non agiscono nell’esercizio di un’impresa, arte o professione

Clicca qui per scaricare il nuovo modello RLI

Ultimi articoli

Edilizia 5 Dicembre 2022

False pergotende: se l’opera è stabilmente infissa e crea nuovo volume è una nuova costruzione

Consiglio di Stato: per configurarsi come pergotenda, l’opera principale deve essere costituita non dalla struttura in sé, ma dalla tenda, quale elemento di protezione dal sole o dagli agenti atmosferici, con la conseguenza che la struttura deve qualificarsi in termini di mero elemento accessorio

Edilizia 27 Novembre 2022

CILA Superbonus: può essere negata o inibita?

La CILAS parimenti alla CILA non può essere negata tantomeno inibita poiché, in qualità di comunicazione, non prevede una fase di controllo. Lo chiarisce il Tar Campania

Edilizia 26 Novembre 2022

Soppalco: se c’è aumento del carico urbanistico serve il permesso di costruire

Consiglio di Stato: non basta la SCIA per un soppalco costituito da un solaio orizzontale posto all'interno di un locale dell'immobile al fine di ricavare uno spazio aggiuntivo, che si configura come ristrutturazione edilizia

Edilizia 28 Ottobre 2022

Ristrutturazione edilizia: le differenze con il restauro o il risanamento conservativo

Consiglio di Stato: mentre la ristrutturazione può condurre ad un “un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente”, il restauro e il risanamento conservativo non possono mai portare a ridetto organismo in tutto o in parte diverso dal preesistente, avendo sempre la finalità di conservare l'organismo edilizio ovvero di assicurarne la funzionalità

torna all'inizio del contenuto