Edilizia

9 Novembre 2020

RICOSTRUZIONE CON AUMENTO DELLE UNITA’ IMMOBILIARI

Domanda
Nel caso di demolizione e ricostruzione di un fabbricato in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, ai sensi D.lgvo42/04, si chiede ” la demolizione con ricostruzione della stessa volumetria e sagoma con un piano in più e quindi variazione del prospetto, è considerata ristrutturazione edilizia? Il piano in più da destinare a residenza si ottiene variando le altezze di interpiano.

Risposta
Il D.P.R. 380/2001 (TUE)  dedica alla ristrutturazione edilizia l’art. 3, comma 1 lett. d) che enuncia la definizione generale dell’intervento ed aggiunge e sovrappone l’art. 10, comma 1, lett. c) che indica quali interventi di ristrutturazione edilizia sono sottoposti a permesso di costruire in quanto comportanti trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio (c.d. ristrutturazione edilizia “pesante” che si distingue da quella c.d. “leggera” non soggetta a permesso di costruire).

L’art. 10, comma 1 lett. c) del TUE (lettera sostituita dalla L. 120/2020),  per gli immobili sottoposti a tutela ai sensi del D.lgs. 42/2004, ammette la ristrutturazione edilizia mediante interventi che comportino modificazioni della sagoma o della volumetria complessiva o dei prospetti.

L’aumento di unità immobiliari con aumento di superfici nel rispetto del volume e la modifica dei prospetti, porta ad un organismo edilizio un tutto o in parte diverso dal precedente in quanto incide sull’estetica del fabbricato e sul carico urbanistico, è ristrutturazione edilizia “pesante” soggetta a permesso di costruire.

Si richiama che gli interventi in zona di tutela paesaggistica devono conseguire anche la preventiva autorizzazione paesaggistica che comporta la verifica di compatibilità del progetto con la tutela del paesaggio.

Ultimi articoli

Edilizia 5 Dicembre 2022

False pergotende: se l’opera è stabilmente infissa e crea nuovo volume è una nuova costruzione

Consiglio di Stato: per configurarsi come pergotenda, l’opera principale deve essere costituita non dalla struttura in sé, ma dalla tenda, quale elemento di protezione dal sole o dagli agenti atmosferici, con la conseguenza che la struttura deve qualificarsi in termini di mero elemento accessorio

Edilizia 27 Novembre 2022

CILA Superbonus: può essere negata o inibita?

La CILAS parimenti alla CILA non può essere negata tantomeno inibita poiché, in qualità di comunicazione, non prevede una fase di controllo. Lo chiarisce il Tar Campania

Edilizia 26 Novembre 2022

Soppalco: se c’è aumento del carico urbanistico serve il permesso di costruire

Consiglio di Stato: non basta la SCIA per un soppalco costituito da un solaio orizzontale posto all'interno di un locale dell'immobile al fine di ricavare uno spazio aggiuntivo, che si configura come ristrutturazione edilizia

Edilizia 28 Ottobre 2022

Ristrutturazione edilizia: le differenze con il restauro o il risanamento conservativo

Consiglio di Stato: mentre la ristrutturazione può condurre ad un “un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente”, il restauro e il risanamento conservativo non possono mai portare a ridetto organismo in tutto o in parte diverso dal preesistente, avendo sempre la finalità di conservare l'organismo edilizio ovvero di assicurarne la funzionalità

torna all'inizio del contenuto