Edilizia

9 Novembre 2020

Il volume tecnico non varia l’intervento di ristrutturazione

Domanda
Dovendo fare una ristrutturazione per sisma ed ecobonus se costruisco anche un volume tecnico separato è sempre ristrutturazione o nuova costruzione?

Risposta
Il Regolamento Edilizio tipo, all’allegato A “definizioni uniformi” voce n. 31, definisce volume tecnico “i vani e gli spazi strettamente necessari a contenere e a consentire l’accesso alle apparecchiature degli impianti tecnici al servizio dell’edificio (idrico, termico, di condizionamento e di climatizzazione, di sollevamento, elettrico, di sicurezza, telefonico, ecc.)”.

Per giurisprudenza consolidata il volume tecnico è tale solo se circoscritto ad opere prive di qualsiasi autonomia funzionale, anche solo potenziale, poiché destinate unicamente a contenere, senza possibilità di alternative, impianti al servizio della costruzione principale per essenziali esigenze tecnico-funzionali (Consiglio di Stato n. 5932/2014; TAR Calabria n. 807/2020 e la giurisprudenza ivi citata).

I volumi tecnici debbono quindi:

1) avere stretta connessione con la funzionalità degli impianti tecnici indispensabili per assicurare il comfort abitativo degli edifici;

2) essere determinati dalla comprovata impossibilità tecnica di poterli inglobare entro il corpo della costruzione realizzabile nei limiti della normativa;

3) non avere altre destinazioni (es. bagni, lavanderie, stenditoi, sgomberi o simili);

4) non essere utilizzabili o trasformabili come spazi abitativi (e quindi devono avere caratteristiche: superficie, altezza, requisiti illumino-ventilanti, classificabili come SNR).

Tali volumi, non vengono computati nel calcolo della volumetria complessiva consentita, solo se hanno le predette caratteristiche (Circolare del Ministero dei Lavori Pubblici n. 2474 del 1973).

Pertanto, fatte salve specifiche norme urbanistiche regionali o locali, si ritiene che non sconfini nella nuova costruzione la realizzazione di un volume tecnico solo se presenta tutti i presupposti e le caratteristiche sopra indicate.

Ultimi articoli

Edilizia 2 Marzo 2021

Regolamento edilizio tipo e regolamento comunale: il calcolo delle volumetrie corretto

Consiglio di Stato: il RET risponde a una esigenza di ‘uniformità semantica’ ma non può scavalcare l'autonomia pianificatoria del comune

Edilizia 18 Febbraio 2021

La fiscalizzazione dell’abuso edilizio non si applica nelle zone tutelate

Cassazione: la procedura di "fiscalizzazione" di cui all'art. 34 comma 2 TUE non è mai applicabile alle opere realizzate in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in quanto queste non possono essere mai ritenute "in parziale difformità"

Edilizia 8 Febbraio 2021

Il pergolato in legno è attività edilizia libera, la baracca in lamiera no

Tar Salerno: per un pergolato in legno non serve né il permesso di costruire né l'autorizzazione paesaggistica

Edilizia 8 Febbraio 2021

PARERE PIANO CASA CAMPANIA CON CONDONO EDILIZIO

Una volta condonato l’immobile diventa pienamente legittimo ed equiparato dal punto di vista urbanistico-edilizio a quelli realizzati con gli ordinari titoli abilitativi edilizi: licenze, concessioni, permessi di costruire.

torna all'inizio del contenuto