Edilizia

7 Gennaio 2019

SCIA e cambio di destinazione d’uso senza opere edilizie

Tar Lazio: la segnalazione certificata di inizio attività può, anche in sanatoria, legittimare il mutamento d’uso funzionale

La SCIA alternativa al permesso di costruire per il mutamento di destinazione d’uso senza opere è istituto operante anche in sanatoria, restando fermo il potere dovere dell’amministrazione di procedere ad una corretta qualificazione della segnalazione presentata, con possibilità di richiedere le eventuali integrazioni ritenute necessarie ai fini di una esaustiva e corretta istruttoria.

Lo ha affermato il Tar Lazio con la sentenza 12468/2018 dello scorso 21 dicembre, che ha accolto il ricorso del proprietario contro l’annullamento del provvedimento comunale per mezzo del quale veniva dichiarata “inammissibile” la SCIA presentata per il cambio di destinazione d’uso meramente funzionale della propria unità immobiliare, da uso turistico – ricettivo a residenziale.

Nello specifico, i giudici amministrativi confermano la validità della legge regionale del Lazio n. 7/2017, ed in particolare negli articoli 4 e 6, dove si evidenzia che “la s.c.i.a. in argomento è stata presentata dall’interessato anche ai sensi della legge regionale del Lazio n. 7 del 2017, con la quale il legislatore regionale ha inteso perseguire […] obiettivi di riqualificazione incentivata delle aree urbane e di razionalizzazione del patrimonio edilizio esistente anche nella prospettiva della limitazione del suolo”.

Il Tar ha aggiunto che “…non è in contestazione che il fabbricato, nel quale è inserita l’unità immobiliare in proprietà del ricorrente, sia stato legittimamente edificato[…] mentre l’eventuale sussistenza di abusi edilizi circoscritti a singole porzioni del fabbricato, consistenti nel cambio di destinazione d’uso senza opere di singole unità immobiliari dalla categoria turistico – ricettiva a quella residenzialenon costituisce causa ostativa all’applicazione della disciplina recata dalla L.R. n. 7 del 2017″.

Ciò in quanto essendo l’edificio “legittimamente realizzato”, per come prescrive l’art. 1 della citata L.R., ne sarebbe consentito, in astratto, il cambio d’uso, con la conseguenza che tale cambio d’uso, se realizzato abusivamente, deve essere considerato suscettibile di sanatoria.

Ultimi articoli

Edilizia 25 Settembre 2020

Edilizia: le novità della legge semplificazioni

Tante le semplificazioni in edilizia: dal permesso di costruire in deroga al silenzio-assenso, dalla SCIA ai lavori in zone sismiche

Edilizia 22 Settembre 2020

Strutture temporanee e manufatti leggeri: cosa cambia nel testo unico dell’edilizia

Tra le novità della legge Semplificazioni vi sono molte modifiche al Testo Unico dell’Edilizia, ecco i dettagli relativi alle strutture temporanee, ai manufatti leggeri ed agli usi temporanei

Fisco 22 Settembre 2020

Ecobonus o bonus facciate: quale detrazione deve scegliere un condomino?

La risposta delle Entrate: ciascun condomino può scegliere autonomamente una delle due agevolazioni, ecobonus o bonus facciate. Chiarite le modalità di pagamento

Fisco 22 Settembre 2020

Superbonus 110: dalle Entrate la procedura per la comunicazione cessione del credito

L’Agenzia delle Entrate ha aggiornato la procedura guidata per la compilazione automatica della comunicazione della cessione del credito: l’invio sarà possibile dal 15 ottobre

torna all'inizio del contenuto