Edilizia

29 Luglio 2021

Sismabonus 110%: per sapere se spetta, occorre controllare la mappa sismica di aprile 2021

Per essere sicuri di avere diritto al sismabonus 110%, occorre conoscere la zona sismica nella quale si trova il proprio Comune e, per saperlo, è necessario consultare la tabella indicata dalla Circolare 24/2020 e non quella precedente allegata all’OPCM 3274/2003.

È il chiarimento fornito dall’Agenzia delle Entrate con la Risposta 516 del 27 luglio 2021.

Un contribuente ha chiesto se può fruire del superbonus per lavori antisismici eseguiti in un Comune che, con l’ordinanza del 2003, era classificato in zona 3 e che, in base all’elenco contenuto nella tabella a cui fa riferimento la Circolare 24/2020, ora ricade in zona a rischio sismico 4.

L’Agenzia ricorda che, in base al decreto Rilancio, il superbonus spetta per gli interventi di messa in sicurezza statica delle parti strutturali di edifici nonché di riduzione del rischio sismico degli edifici stessi realizzati su edifici ubicati nelle zone sismiche 1, 2 e 3 di cui all’OPCM 3274 del 20 marzo 2003.

Tuttavia, nel caso in esame, l’istante non potrà fruire del regime di favore in quanto, a seguito della riclassificazione delle zone sismiche, il Comune in cui sono stati eseguiti i lavori ricade in una zona a rischio sismico 4, quindi non agevolabile.

In sintesi, l’Agenzia conclude che occorre far riferimento alla “mappa classificazione rischio sismico”, aggiornata ad aprile 2021, suddivisa per comuni, pubblicata sul sito della Protezione Civile, in base alla quale il Comune indicato dall’istante non fa parte delle zone a rischio sismico che possono accedere alle detrazioni fiscali previste dal decreto Rilancio.

A pagina 23 della Circolare 24/2020 si legge: “La suddivisione dei comuni italiani per rischio sismico è consultabile ad un apposito link al sito del Dipartimento della Protezione Civile”. Ma il link riportato nella stessa pagina porta ad una pagina obsoleta.

La Protezione Civile ha fornito i link aggiornati al nuovo sito e alla mappa sismica per Comune

Ultimi articoli

Edilizia 5 Dicembre 2022

False pergotende: se l’opera è stabilmente infissa e crea nuovo volume è una nuova costruzione

Consiglio di Stato: per configurarsi come pergotenda, l’opera principale deve essere costituita non dalla struttura in sé, ma dalla tenda, quale elemento di protezione dal sole o dagli agenti atmosferici, con la conseguenza che la struttura deve qualificarsi in termini di mero elemento accessorio

Edilizia 27 Novembre 2022

CILA Superbonus: può essere negata o inibita?

La CILAS parimenti alla CILA non può essere negata tantomeno inibita poiché, in qualità di comunicazione, non prevede una fase di controllo. Lo chiarisce il Tar Campania

Edilizia 26 Novembre 2022

Soppalco: se c’è aumento del carico urbanistico serve il permesso di costruire

Consiglio di Stato: non basta la SCIA per un soppalco costituito da un solaio orizzontale posto all'interno di un locale dell'immobile al fine di ricavare uno spazio aggiuntivo, che si configura come ristrutturazione edilizia

Edilizia 28 Ottobre 2022

Ristrutturazione edilizia: le differenze con il restauro o il risanamento conservativo

Consiglio di Stato: mentre la ristrutturazione può condurre ad un “un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente”, il restauro e il risanamento conservativo non possono mai portare a ridetto organismo in tutto o in parte diverso dal preesistente, avendo sempre la finalità di conservare l'organismo edilizio ovvero di assicurarne la funzionalità

torna all'inizio del contenuto