Edilizia

27 Luglio 2021

SUPERBONUS, LE NOVITÀ IN ARRIVO CON LA CONVERSIONE DEL D.L. 77/2021

Il 23/07/2021 la Camera ha approvato la legge di conversione del D.L. 31/05/2021, n. 77, che contiene tra le altre cose (artt. 33 e 33-bis) importanti novità in tema di Superbonus 110%. Il provvedimento passa ora all’esame del Senato per la conversione in legge definitiva, che dovrà avvenire entro il 31/07/2021.

Di seguito il dettaglio delle modifiche introdotte dal D.L. 77/2021 al Superbonus 110%.

BARRIERE ARCHITETTONICHE- Si riconosce l’agevolazione fiscale anche agli interventi volti alla eliminazione delle barriere architettoniche, eseguiti congiuntamente agli interventi antisismici. In pratica, nel regime del Superbonus, l’intervento per l’eliminazione delle barriere architettoniche può essere trainato anche dal Sismabonus, mentre in precedenza poteva essere trainato solo da interventi “energetici”.

INTERVENTI ONLUS, CALCOLO MASSIMALE- Viene precisata la modalità per determinare il limite di spesa in relazione agli interventi realizzati da organizzazioni non lucrative di utilità sociale su immobili rientranti nelle categorie catastali B/1, B/2 e D/4 (come ad esempio: caserme, ospedali, case di cura e conventi).

La norma mira a correggere uno dei problemi emersi nella prima fase applicativa del Superbonus, relativamente agli immobili gestiti da Onlus, e cioè il fatto che a fronte di ampie superfici, detti immobili sono generalmente accatastati con un solo subalterno. Poiché l’Agenzia delle entrate aveva in questi casi confermato la modalità di calcolo ordinaria dei massimali, e cioè in base al numero delle unità immobiliari (Circolare 30/E/2020, punto 2.1.1), ecco che i suddetti massimali risultavano nella pratica estremamente bassi, e tali da non rendere conveniente gli interventi agevolabili.

Pertanto si è scelto di consentire di rapportare gli incentivi alla superficie media di una unità immobiliare. In pratica il limite di spesa ammesso alle detrazioni del Superbonus previsto per le singole unità immobiliari è moltiplicato per il rapporto tra la superficie complessiva dell’immobile oggetto degli interventi e la superficie media di una unità abitativa immobiliare in base ai dati OMI.

Occorre però il possesso dei seguenti requisiti:

  1. a) Onlus che svolgano attività di prestazione di servizi socio-sanitari e assistenziali, e i cui membri del Consiglio di Amministrazione non percepiscano alcun compenso o indennità di carica;
  2. b) siano in possesso di immobili rientranti nelle categorie catastali B/1, B/2 e D/4, a titolo di proprietà, nuda proprietà, usufrutto o comodato d’uso gratuito. Il titolo di comodato d’uso gratuito è idoneo all’accesso alle detrazioni di cui al presente articolo, a condizione che il contratto sia regolarmente registrato in data certa anteriore alla data di entrata in vigore della presente disposizione.

CILA 110 E STATO LEGITTIMO- Confermata e ampliata la disposizione secondo la quale tutti gli interventi per il Superbonus possono essere assentiti con una semplice CILA, ad eccezione di quelli realizzati tramite demolizione e ricostruzione (comma 13-ter, art. 119 del D.L. 34/2020).

Con la conversione in legge, è stato precisato che rientrano in questo regime anche gli interventi che riguardino le parti strutturali degli edifici o i prospetti.

A tale proposito, non è necessario che il tecnico certifichi lo “stato legittimo” dell’immobile (Stato legittimo degli immobili), basta indicare gli estremi del titolo edilizio che ha assentito l’immobile oppure il fatto che si tratti di immobile realizzato in epoca in cui il titolo non era necessario.

Ne segue che eventuali violazioni edilizie commesse successivamente non sono ritenute ostative alla esecuzione dell’intervento con le agevolazioni, e non sono pertanto causa di decadenza dalle agevolazioni stesse.

Oltre a ciò, rimangono come requisiti per la fruizione delle agevolazioni:

– che l’intervento da farsi, come ovvio, sia in sé legittimo;

– che l’attestazione concernente il titolo edilizio sia presente e sia veritiera.

Resta fermo che tutto quanto sopra non comporta alcuna sanatoria di eventuali interventi edilizi abusivi realizzati sull’immobile, che potranno pertanto in futuro essere perseguiti, senza però che questo comporti la decadenza delle agevolazioni per il Superbonus.

La norma introduce, altresì, un nuovo comma 13-quater che chiarisce che resta comunque impregiudicata ogni valutazione circa la legittimità dell’immobile oggetto di intervento.

La norma precisa poi che restano in ogni caso fermi, se dovuti, gli oneri di urbanizzazione, calcolati in base alla tipologia di intervento proposto.

CILA 110, EDILIZIA LIBERA, VARIANTI IN CORSO D’OPERA E AGIBILITÀ- Si prevede che quando le opere oggetto di Superbonus rientrino nel regime dell’edilizia libera nella CILA è richiesta la sola descrizione dell’intervento. Da ciò si evince che – contrariamente a quanto di norma previsto – la CILA va presentata anche se le opere rientrano nell’edilizia libera (normalmente infatti, ai fini dei bonus fiscali, se le opere sono in edilizia libera si redige una autocertificazione che attesti tale circostanza).

In caso di varianti in corso d’opera, queste sono comunicate a fine lavori e costituiscono integrazione della CILA presentata.

Infine non è richiesta, alla conclusione dei lavori, la segnalazione certificata di agibilità.

RISPETTO DELLE DISTANZE- Viene modificato il comma 3, art. 119 del D.L. 34/2020, chiarendo che gli interventi di dimensionamento del cappotto termico e del cordolo sismico non concorrono al conteggio della distanza e dell’altezza, in deroga alle distanze minime riportate all’art. 873 del Codice Civile.

IRRILEVANZA VIOLAZIONI FORMALI- Viene chiarito il regime della decadenza dall’applicazione della detrazione in presenza di violazioni della disciplina.

La norma stabilisce che le violazioni meramente formali che non arrecano pregiudizio all’esercizio delle azioni di controllo non comportano la decadenza delle agevolazioni fiscali limitatamente alla irregolarità od omissione riscontrata.

Nel caso in cui le violazioni riscontrate nell’ambito dei controlli da parte delle autorità competenti siano rilevanti ai fini dell’erogazione degli incentivi, la decadenza dal beneficio si applica limitatamente al singolo intervento oggetto di irregolarità od omissione.

SUPERBONUS E AGEVOLAZIONI PRIMA CASA- Viene previsto che nel caso di acquisto di immobili sottoposti ad uno o più interventi di efficientamento energetico rientranti nel Superbonus il termine per stabilire la residenza ai fini delle agevolazioni prima casa è di 30 mesi dalla data di stipula dell’atto di compravendita (invece che 18 come normalmente stabilito).

SISMABONUS ACQUISTI E TERMINE PER LA COMPRAVENDITA- Viene modificato il comma 1-septies, art. 16 del D.L. 63/2013, stabilendo che il Sismabonus si applica anche alle spese sostenute dagli acquirenti delle c.d. “case antisismiche” (vale a dire delle unità immobiliari facenti parte di edifici ubicati in zone classificate a rischio sismico 1, 2 e 3 oggetto di interventi antisismici effettuati mediante demolizione e ricostruzione dell’immobile), ricostruite da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare che entro 30 mesi (rispetto al previgente termine di 18 mesi) dal termine dei lavori provvedano alla successiva rivendita.

Ultimi articoli

Fisco 20 Settembre 2021

Sismabonus 110% e ristrutturazione con ampliamento: quando è agevolabile?

La risposta delle Entrate: ok al sismabonus 110% se l’ampliamento è effettuato con la demolizione e ricostruzione; in caso contrario l’agevolazione è solo sull’edificio esistente

Edilizia 10 Settembre 2021

Pergotenda e strutture leggere: le caratteristiche per l’edilizia libera

Un’interessante sentenza del Consiglio di Stato sulla qualificazione di pergotenda e sulla necessità del relativo titolo edilizio

Edilizia 24 Agosto 2021

Doppia conformità: niente sanatoria se manca l’asseverazione del professionista

Consiglio di Stato: la domanda di sanatoria deve essere accompagnata da una dichiarazione del progettista abilitato che asseveri la conformità

Edilizia 23 Agosto 2021

Ristrutturazioni con diversa sagoma e volume in zone vincolate: chiarimenti del CSLP

Per gli immobili il cui vincolo risiede nell'essere inseriti in aree sottoposte a vincolo paesaggistico è consentito intervenire anche attraverso interventi di demolizione e ricostruzione classificabili nella “ristrutturazione edilizia”, che nella definizione del dpr 380/2001 comprende anche modifiche alla sagoma, al sedime, ai prospetti ed al volume preesistente

torna all'inizio del contenuto