Attività Produttive

22 Febbraio 2018

VENDITA DI OGGETTI PREZIOSI – Chiarimenti dal Ministero dell’Interno in merito al rilascio della licenza di P.S.

Con la risoluzione n. 45548 del 25 gennaio 2018, il Ministero dello Sviluppo Economico porta a conoscenza il contenuto della nota n. 27442 del 17 gennaio 2018, con la quale il Ministero dell’Interno ha espresso il proprio avviso in merito al corretto procedimento da seguire nel caso di attività di vendita di oggetti preziosi all’interno di esercizi commerciali già avviati, tenuto conto di quanto stabilito in materia dal decreto legislativo n. 222 del 2016 (c.d. “Decreto SCIA-2).

Il Ministero dell’Interno conferma l’interpretazione resa dal Ministero dello Sviluppo Economico con la risoluzione n. 550441 del 19 febbraio 2017 secondo la quale, ai fini dell’avvio dell’attività di vendita di oggetti preziosi, occorra necessariamente il rilascio della licenza prevista dall’art. 127 T.U.L.P.S. e che, in assenza della medesima, non sia consentito l’avvio dell’attività.

E’ bene ricordare che, con specifico riguardo al regime amministrativo applicabile all’attività i commercio di oggetti preziosi, il punto 35 della Tabella A, allegata al citato decreto, prende in considerazione l’attività di commercio al dettaglio di oggetti preziosi, distinguendo tra:

  1. a) vendita di oggetti preziosi in esercizio di vicinato;
  2. b) vendita di oggetti preziosi in media o grande struttura di vendita e
  3. c) vendita di oggetti preziosi in caso di attività commerciale già avviata.

Con riguardo alla fattispecie di vendita di oggetti preziosi in esercizio di vicinato, la Tabella citata indica il regime amministrativo della c.d. “SCIA condizionata” (o “SCIA spuria”), prevedendo che l’interessato presenti allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) territorialmente competente una Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) per l’avvio dell’esercizio di vicinato, unitamente ad un’istanza rivolta al Questore intesa al rilascio dell’autorizzazione di pubblica sicurezza per la vendita di oggetti preziosi, istanza della quale il SUAP cura la trasmissione al Questore medesimo.

L’avvio dell’attività è subordinato al rilascio della licenza di polizia e al parere positivo finale della conferenza di servizi (asincrona), convocata dal Comune, di cui il SUAP dà notizia all’interessato.

Per quanto riguarda, invece, la vendita di oggetti preziosi in medie o grandi strutture commerciali, la citata Tabella A, prevede due distinti provvedimenti autorizzatori, l’uno per l’avvio della struttura commerciale e l’altro per la vendita di oggetti preziosi.

In questo caso, entro cinque giorni dal ricevimento dell’istanza, il SUAP convoca una conferenza di servizi allo scopo di acquisire le menzionate autorizzazioni, il cui rilascio viene comunicato dallo stesso SUAP all’interessato.

L’attività non potrà essere iniziata prima del rilascio delle autorizzazioni stesse o senza che sia decorso il termine per il silenzio assenso.

Per quel che riguarda, infine, la vendita di oggetti preziosi nell’ambito di attività commerciali già avviate e quindi già oggetto di autorizzazione, la citata Tabella prevede unicamente il rilascio dell’autorizzazione di pubblica sicurezza.

L’istanza volta all’ottenimento della predetta autorizzazione viene presentata al SUAP che la trasmette al Questore. E’ altresì prevista la formazione del silenzio assenso in caso di decorso del termine senza che sia stato adottato il provvedimento autorizzatorio espresso.

Considerato che, in tali casi, il più delle volte non sarà necessaria l’acquisizione di ulteriori atti di assenso, il SUAP non sarà tenuto alla convocazione della conferenza di servizi e si limiterà a comunicare all’interessato l’avvenuto rilascio dell’autorizzazione ex art. 127 TULPS da parte della Questura.

Ultimi articoli

Edilizia 4 Aprile 2021

L’utilizzo del gazebo determina il titolo abilitativo: quando serve il permesso di costruire

Tar Molise: il gazebo destinato ad un uso permanente è un intervento di nuova costruzione necessitante il permesso di costruire

Fisco 3 Aprile 2021

Superbonus: sì alla demolizione e ricostruzione con ampliamento di volume

Dalle Entrate nuovi chiarimenti sul Superbonus nel caso di demolizione e ricostruzione con ampliamento di volume e modifica dell’area di sedime

Fisco 3 Aprile 2021

Demolizione e ricostruzione: no all’ecobonus 110 per la volumetria eccedente

Dalle Entrate il no all’ecobonus 110% applicato alla volumetria eccedente dopo una demolizione/ricostruzione. Sì al sismabonus 110% per quella stessa volumetria in più

Edilizia 3 Aprile 2021

Fiscalizzazione dell’abuso edilizio: non è mai possibile in area vincolata

Cassazione: in casi particolari di abuso edilizio è possibile convertire la sanzione demolitoria in sanzione pecuniaria, ma ciò non è mai attuabile in aree vincolate

torna all'inizio del contenuto