Notizie

28 Gennaio 2016

POS obbligatorio e pagamenti telematici, ecco le indicazioni dei geometri

POS obbligatorio e pagamenti telematici , il Collegio nazionale dei geometri fornisce le indicazioni su come comportarsi a seguito dei nuovi obblighi previsti
La legge di Stabilità 2016 (legge 208/2015) prevede che a partire dal primo gennaio 2016 scatta l’obbligo anche per i professionisti di accettare pagamenti elettronici (bancomat, carte di credito, etc.) anche per importi inferiori a 30 euro, a partire da 5 euro.
Tale misura, ricordiamo, è legata alla necessità di aumentare la tracciabilità dei pagamenti e mira ad aumentare la diffusione della moneta elettronica.
Il Consiglio nazionale dei geometri fornisce le prime indicazioni ai professionisti per tutelarsi, in attesa del decreto del Ministero dell’Economia che dovrà arrivare a breve.
Tale decreto, tra le altre cose, definirà le sanzioni per gli eventuali inadempimenti in materia di POS e pagamenti elettronici. Al momento, infatti, chi non rispetta l’obbligo di installare gli apparecchi non è sanzionabile.
Nel frattempo, la raccomandazione del Cng ai propri professionisti è quella adottare comportamenti massimamente ispirati all’etica e alla trasparenza, al fine di tutelarsi da eventuali denunce della committenza, magari a fronte dell’interpretazione errata di norme entrate in vigore solo di recente.
In primis, all’atto del conferimento dell’incarico è opportuno indicare chiaramente la modalità di pagamento della prestazione d’opera concordata con il committente, che può avvenire anche in contanti (fino a 3.000 euro), con assegno o con bonifico bancario.

Ultimi articoli

Edilizia 2 Marzo 2021

Regolamento edilizio tipo e regolamento comunale: il calcolo delle volumetrie corretto

Consiglio di Stato: il RET risponde a una esigenza di ‘uniformità semantica’ ma non può scavalcare l'autonomia pianificatoria del comune

Edilizia 18 Febbraio 2021

La fiscalizzazione dell’abuso edilizio non si applica nelle zone tutelate

Cassazione: la procedura di "fiscalizzazione" di cui all'art. 34 comma 2 TUE non è mai applicabile alle opere realizzate in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in quanto queste non possono essere mai ritenute "in parziale difformità"

Edilizia 8 Febbraio 2021

Il pergolato in legno è attività edilizia libera, la baracca in lamiera no

Tar Salerno: per un pergolato in legno non serve né il permesso di costruire né l'autorizzazione paesaggistica

Edilizia 8 Febbraio 2021

PARERE PIANO CASA CAMPANIA CON CONDONO EDILIZIO

Una volta condonato l’immobile diventa pienamente legittimo ed equiparato dal punto di vista urbanistico-edilizio a quelli realizzati con gli ordinari titoli abilitativi edilizi: licenze, concessioni, permessi di costruire.

torna all'inizio del contenuto