Notizie

28 Gennaio 2016

POS obbligatorio e pagamenti telematici, ecco le indicazioni dei geometri

POS obbligatorio e pagamenti telematici , il Collegio nazionale dei geometri fornisce le indicazioni su come comportarsi a seguito dei nuovi obblighi previsti
La legge di Stabilità 2016 (legge 208/2015) prevede che a partire dal primo gennaio 2016 scatta l’obbligo anche per i professionisti di accettare pagamenti elettronici (bancomat, carte di credito, etc.) anche per importi inferiori a 30 euro, a partire da 5 euro.
Tale misura, ricordiamo, è legata alla necessità di aumentare la tracciabilità dei pagamenti e mira ad aumentare la diffusione della moneta elettronica.
Il Consiglio nazionale dei geometri fornisce le prime indicazioni ai professionisti per tutelarsi, in attesa del decreto del Ministero dell’Economia che dovrà arrivare a breve.
Tale decreto, tra le altre cose, definirà le sanzioni per gli eventuali inadempimenti in materia di POS e pagamenti elettronici. Al momento, infatti, chi non rispetta l’obbligo di installare gli apparecchi non è sanzionabile.
Nel frattempo, la raccomandazione del Cng ai propri professionisti è quella adottare comportamenti massimamente ispirati all’etica e alla trasparenza, al fine di tutelarsi da eventuali denunce della committenza, magari a fronte dell’interpretazione errata di norme entrate in vigore solo di recente.
In primis, all’atto del conferimento dell’incarico è opportuno indicare chiaramente la modalità di pagamento della prestazione d’opera concordata con il committente, che può avvenire anche in contanti (fino a 3.000 euro), con assegno o con bonifico bancario.

Ultimi articoli

Edilizia 4 Aprile 2021

L’utilizzo del gazebo determina il titolo abilitativo: quando serve il permesso di costruire

Tar Molise: il gazebo destinato ad un uso permanente è un intervento di nuova costruzione necessitante il permesso di costruire

Fisco 3 Aprile 2021

Superbonus: sì alla demolizione e ricostruzione con ampliamento di volume

Dalle Entrate nuovi chiarimenti sul Superbonus nel caso di demolizione e ricostruzione con ampliamento di volume e modifica dell’area di sedime

Fisco 3 Aprile 2021

Demolizione e ricostruzione: no all’ecobonus 110 per la volumetria eccedente

Dalle Entrate il no all’ecobonus 110% applicato alla volumetria eccedente dopo una demolizione/ricostruzione. Sì al sismabonus 110% per quella stessa volumetria in più

Edilizia 3 Aprile 2021

Fiscalizzazione dell’abuso edilizio: non è mai possibile in area vincolata

Cassazione: in casi particolari di abuso edilizio è possibile convertire la sanzione demolitoria in sanzione pecuniaria, ma ciò non è mai attuabile in aree vincolate

torna all'inizio del contenuto