Notizie

28 Gennaio 2016

Riforma PA, conferenza dei servizi semplificata e silenzio assenso

Riforma PA: arrivano tante semplificazioni, tra cui conferenza dei servizi semplificata e silenzio assenso per le opere soggette a Via
La conferenza di servizi è un istituto introdotto dalla legge 241/1990 per semplificare l’acquisizione da parte della PA di autorizzazioni, atti, licenze, permessi e nulla-osta mediante convocazione di apposite riunioni collegiali.
Nelle intenzioni del legislatore la conferenza dei servizi rappresenta un istituto di semplificazione e coordinamento, finalizzato ad aggregare una pluralità di interessi coinvolti. Lo scopo per cui nasce la conferenza dei servizi, quindi, è proprio quello di velocizzare e semplificare alcune procedure, ma il risultato ottenuto con il tempo è stato esattamente l’opposto!
Le conferenze dei servizi, infatti, sono spesso la sede ideale per bloccare i progetti: assenze, veti, ritardi, possono addirittura annullare le decisioni già assunte.
Il Consiglio dei Ministri ha appena dato l’ok preliminare a 11 decreti legislativi attuativi della legge di riforma della Pubblica amministrazione (legge n. 124 del 7 agosto 2015); tra gli interventi principali è previsto proprio il riordino della Conferenza dei servizi, con grosse semplificazioni.
Conferenza dei servizi: basta con i ritardi interminabili
Il pacchetto semplificazioni approvato dal Governo punta ad abbattere i tempi attraverso l’attivazione della Conferenza semplificata, che non prevede riunioni fisiche ma solo l’invio di documenti e informazioni per via telematica.
Viene definita inoltre la Conferenza simultanea con riunione (anche telematica) che si svolge solo per i procedimenti più complicati.
Le riunioni tra le varie amministrazioni per autorizzare alcuni tipi di interventi dovranno svolgersi in tempi certi, privilegiando lo scambio di informazioni e documenti via e-mail.
La conferenza deve essere indetta entro 5 giorni dalla ricezione della domanda e deve concludersi in tempi certi. Ai partecipanti vengono assegnati 60 giorni per fornire il proprio parere. Il termine sale a 90 giorni per gli enti di tutela ambientale, paesaggistica o culturale.
Infine, sono previsti 5 giorni per concludere con una decisione positiva o negativa, basata sulle posizioni prevalenti.
In mancanza di pronuncia nei termini stabiliti, si configura il silenzio assenso incondizionato.
Semplificazioni per opere soggette a Via
Ulteriori semplificazioni previste anche per i progetti soggetti a Via (Valutazione di impatto ambientale).
In questi casi si procederà con una sola conferenza di servizi simultanea, ma la maggiore novità è che, anche per le opere sottoposte a Via, si applicherà il silenzio-assenso.

Ultimi articoli

Edilizia 27 Luglio 2021

SUPERBONUS, LE NOVITÀ IN ARRIVO CON LA CONVERSIONE DEL D.L. 77/2021

Tutte le novità in arrivo con la conversione del D.L. 77/2021: Barriere architettoniche; Interventi Onlus, calcolo massimale; CILA 110 e stato legittimo; CILA 110, edilizia libera, varianti in corso d’opera e agibilità; Rispetto delle distanze; Superbonus e agevolazioni prima casa; Sismabonus acquisti e termine per la compravendita.

Edilizia 25 Luglio 2021

Abusi e Condono edilizio: la prova della data di realizzazione dell’opera

Il TAR Lazio chiarisce come deve avvenire la prova della data di costruzione di un manufatto affinché possa essere correttamente inquadrato il titolo edilizio

Edilizia 24 Luglio 2021

Ok al bonus facciate per le spese sostenute da un unico condomino

Il singolo condomino può sostenere per intero le spese per il rifacimento della facciata e godere dell’agevolazione fiscale se autorizzato da delibera condominiale all’unanimità

Edilizia 24 Luglio 2021

Dal CSLLPP i chiarimenti su sismabonus nei centri storici

Commissione CSLLPP: nei centri storici ammessi interventi che determinano la riduzione del rischio sismico senza la verifica dell’intero aggregato. Ecco l’elenco dei lavori ammissibili

torna all'inizio del contenuto