Edilizia

7 Luglio 2020

Un’opera abusiva su suolo demaniale è immediatamente demolibile?

Il Tar Lombardia afferma che l’ordinanza di demolizione di un intervento edilizio abusivo commesso su suolo demaniale va preceduta dalla diffida preventiva

La sentenza n. 783/2020 del Tar Lombardia ribadisce secondo quanto espresso dal’articolo 35, comma 1, del dpr 380/2001 che un’ordinanza di demolizione di un intervento edilizio su suolo demaniale non eseguito dalla PA, va preceduta da una diffida preventiva.

Il caso

Un’impresa di trasporti decideva di asfaltare una strada comunale nelle adiacenze di un’area di sua proprietà, adibita a parcheggio e a stazionamento dei propri mezzi di trasporto.

Il Comune si accorgeva dell’intervento sulla strada appartenente al demanio pubblico e con un’ordinanza intimava l’immediata demolizione delle opere eseguite (senza inviare una diffida preventiva).

Successivamente l’UTC (Ufficio Tecnico comunale) rilevava l’inosservanza dell’ordinanza di demolizione e interveniva direttamente con la demolizione a spese dell’impresa.

L’impresa, quindi, faceva ricorso al Tar lamentando principalmente l’erronea applicazione e la violazione dell’art. 35, comma 1 del dpr 380/2001, per la mancata notifica della preventiva diffida da parte del Comune (che procedeva direttamente tramite un’ordinanza di demolizione).

La sentenza del Tar Lombardia

I Giudici accolgono il ricorso dell’impresa che si appellava alla mancata notifica della diffida preventiva da parte del Comune. Secondo il Tar la diffida della PA deve precedere sempre l’emissione di un’ordinanza di demolizione immediata delle opere eseguite in abuso su suolo pubblico.

Per i Giudici:

Tale omissione, secondo un condivisibile orientamento giurisprudenziale, rende illegittimo l’atto di demolizione (T.A.R. Calabria, Catanzaro, II, 16 maggio 2018, n. 1050; 7 febbraio 2018, n. 368).

In conclusione i Giudici stabiliscono che l’atto di diffida preventiva non può identificarsi con l’ordinanza di demolizione, come sosteneva il Comune, in quanto il primo provvedimento costituisce annuncio del secondo in caso di decorrenza del limite di tempo posto per la demolizione (T.A.R. Lombardia, Milano, II, 18 giugno 2019, n. 1409).

Il ricorso è accolto.

Ultimi articoli

Edilizia 5 Dicembre 2022

False pergotende: se l’opera è stabilmente infissa e crea nuovo volume è una nuova costruzione

Consiglio di Stato: per configurarsi come pergotenda, l’opera principale deve essere costituita non dalla struttura in sé, ma dalla tenda, quale elemento di protezione dal sole o dagli agenti atmosferici, con la conseguenza che la struttura deve qualificarsi in termini di mero elemento accessorio

Edilizia 27 Novembre 2022

CILA Superbonus: può essere negata o inibita?

La CILAS parimenti alla CILA non può essere negata tantomeno inibita poiché, in qualità di comunicazione, non prevede una fase di controllo. Lo chiarisce il Tar Campania

Edilizia 26 Novembre 2022

Soppalco: se c’è aumento del carico urbanistico serve il permesso di costruire

Consiglio di Stato: non basta la SCIA per un soppalco costituito da un solaio orizzontale posto all'interno di un locale dell'immobile al fine di ricavare uno spazio aggiuntivo, che si configura come ristrutturazione edilizia

Edilizia 28 Ottobre 2022

Ristrutturazione edilizia: le differenze con il restauro o il risanamento conservativo

Consiglio di Stato: mentre la ristrutturazione può condurre ad un “un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente”, il restauro e il risanamento conservativo non possono mai portare a ridetto organismo in tutto o in parte diverso dal preesistente, avendo sempre la finalità di conservare l'organismo edilizio ovvero di assicurarne la funzionalità

torna all'inizio del contenuto