Attestazione utile per la detrazione del “Bonus facciate”

(art. 121 Legge 17/07/2020 n. 77 di conversione del Decreto Legge n. 34 del 19/05/2020)

L’Agenzia delle Entrate con risposte n. 23 e n. 182 ha stabilito che la detrazione “Bonus facciate” è accessibile anche se l’edificio ricade interamente o parzialmente fuori dalla zona A o B, purché si trovi in una zona riconducibile o equipollente alle due zone che danno diritto all’agevolazione fiscale, indipendentemente dalla denominazione della zona di appartenenza.

Per questa eventualità – se cioè l’edificio non si trova già in zona A o B – è necessaria una attestazione rilasciata dal Comune di riferimento, in quanto, come affermato dall’Agenzia “l’assimilazione della zona territoriale nella quale ricade l’edificio oggetto dell’intervento deve risultare, ai fini del bonus facciate, dalle certificazioni urbanistiche rilasciate dagli enti competenti”.

Nel caso in cui l’edificio sia chiaramente collocato in zona A o B è possibile richiedere un Certificato di destinazione urbanistica.

La richiesta di Attestazione Urbanistica Bonus Facciate (ABF), accompagnata dalla documentazione catastale utile, deve essere inviata in modo digitale all’indirizzo PEC protocollo.oliveto-citra@asmepec.it, oppure può essere prodotta in formato cartaceo presso gli uffici di Protocollo del Comune di Oliveto Citra – sito in Via Vittorio Emanuele II, n. 46 – Piano Primo.

In caso di trasmissione via PEC, la domanda dovrà essere firmata digitalmente dal richiedente o da suo delegato, oppure sottoscritta con firma autografa e scansionata, con documento di identità del richiedente sottoscrittore. In caso di consegna cartacea, è obbligatoria la firma autografa e copia del documento di identità del richiedente sottoscrittore.

La richiesta dovrà essere completa di:

  1. modulo compilato;
  2. marca da bollo di € 16,00, che dovrà essere attaccata alla richiesta (oppure dichiarazione di assolvimento per i casi previsti dalla Legge – nel caso di documento esclusivamente digitale dovrà essere presente una dichiarazione di assolvimento dell’imposta);
  3. copia leggibile del documento di identità del richiedente e/o delegato

Conclusa la verifica istruttoria, sarà richiesto al richiedente il pagamento dei diritti di segreteria previsti dalla delibera di Giunta Comunale sulle “attestazioni in materia urbanistica” pari a € 30,00 – inoltre è a carico del richiedente anche una seconda marca da bollo di € 16,00 da apporre all’ABF rilasciata: questa seconda marca da bollo sarà richiesta in fase di consegna dell’ABF (marca da bollo dell’atto finale).

Valgono i casi di esenzione dall’imposta di bollo previsti dalla Legge (quali gli atti richiesti d’ufficio nell’interesse dello Stato e dei servizi pubblici).

Il richiedente può dichiarare motivi di esenzione o riduzione dell’imposta di bollo o dei diritti di segreteria nella richiesta di ABF.

L’immotivata omissione della marca da bollo nella richiesta di ABF costituisce evasione fiscale, per la quale è prevista l’immediata segnalazione alla competente autorità.

L’ABF sarà rilasciato in modalità digitale e spedito all’indirizzo PEC o email ordinaria indicato nella richiesta.

L’ABF sarà rilasciata entro 30 giorni dalla presentazione dell’istanza, previa verifica dell’avvenuto pagamento dei diritti di segreteria e previa presentazione della marca da bollo dell’atto finale, in analogia alle certificazioni di destinazione urbanistica.

Per data di rilascio sarà intesa la data di firma del Dirigente.

Per chiarimenti si rimanda sue@comune.oliveto-citra.sa.it

 

Modulo di richiesta (formato .rtf)

Modulo di richiesta (formato .pdf)

Dichiarazione di assolvimento imposta bollo (formato .rtf)

Dichiarazione di assolvimento imposta bollo (formato .pdf)

Riferimenti:

  • Art. 121 Legge 17/07/2020 n. 77 di conversione del Decreto Legge n. 34 del 19/05/2020
  • Agenzia delle Entrate, Risposta all’interpello n. 23 e 182 ;
  • Decreto Ministero Lavori Pubblici 02/04/1968 n. 1444 (zone A e B);
  • Legge n. 160 del 07/12/2019 art. 1, commi 219-224;
  • Guida Bonus Facciate dell’Agenzia delle Entrate (feb. 2020);
  • DPR 380/2001 art. 30 comma 3 (CDU);
  • DPR 642/1972 allegato A – tariffe, art. 4 comma 1-quater (imposta di bollo).
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto