Notizie

25 Agosto 2017

Installazione tende da sole: il Tar Campania ribadisce che non occorre il permesso di costruire

Installazione tende da sole e permesso di costruire: il Tar Campania chiarisce cosa accade quando vengono trasgredite le regole condominiali e il regime amministrativo

Un Comune ingiungeva la rimozione di una tenda parasole installata sul terrazzo pertinenziale di un appartamento condominiale. L’installazione risultava non conforme alla delibera condominiale presentata ai fini del rilascio di permesso di costruire per l’installazione di tende aggettanti sulla facciata del fabbricato. Il proprietario del terrazzo presentava dunque ricorso al Tar Campania contro la decisione comunale.

Secondo il condòmino, l’installazione della tenda parasole, effettuata a seguito della presentazione di DIA, rientrerebbe nell’ambito dell’attività libera, non comportando alcun aumento di volumetria o modifiche di sagome e prospetti. Inoltre l’intervento contestato non avrebbe alcuna incidenza sul carico urbanistico e il provvedimento impugnato non sarebbe suffragato dalla prospettazione delle ragioni di interesse pubblico.

Installazione tende parasole: sentenza Tar Campania n. 1170/2017

Il Tar Campania, con la sentenza n. 1170/2017, si esprime sul ricorso presentato dal proprietario delle tende parasole.

Per i giudici tale intervento non comporta la realizzazione di un volume urbanistico e pertanto non rientra nell’ambito applicativo del permesso di costruire.

Il Tar ricorda quanto affermato da una sentenza pregressa del Consiglio di Stato, secondo cui:

Sono soggetti al rilascio del permesso di costruire gli interventi di nuova costruzione, categoria nella quale rientrano quelli che realizzano una trasformazione edilizia e urbanistica del territorio. Una struttura in alluminio anodizzato destinata ad ospitare tende retrattili in materiale plastico non integra tali caratteristiche. In particolare, in tali casi l’opera principale non è la struttura in sé, ma la tenda, quale elemento di protezione dal sole e dagli agenti atmosferici, finalizzata ad una migliore fruizione dello spazio esterno dell’unità abitativa. E considerata in tale contesto, la struttura in alluminio anodizzato si qualifica in termini di mero elemento accessorio, necessario al sostegno e all’estensione della tenda

Inoltre, la violazione di prescrizioni condominiali non può trasfigurare la consistenza dell’intervento in modo da renderlo soggetto al più gravoso permesso di costruire. Esse, infatti, sottendono interessi di natura privatistica, che nulla hanno a che vedere con la rilevanza pubblicistica della disciplina urbanistica.

Pertanto il Tar Campania accoglie il ricorso in quanto per l’installazione di tende parasole non risulta necessario il rilascio del permesso di costruire.

Ultimi articoli

Edilizia 27 Luglio 2021

SUPERBONUS, LE NOVITÀ IN ARRIVO CON LA CONVERSIONE DEL D.L. 77/2021

Tutte le novità in arrivo con la conversione del D.L. 77/2021: Barriere architettoniche; Interventi Onlus, calcolo massimale; CILA 110 e stato legittimo; CILA 110, edilizia libera, varianti in corso d’opera e agibilità; Rispetto delle distanze; Superbonus e agevolazioni prima casa; Sismabonus acquisti e termine per la compravendita.

Edilizia 25 Luglio 2021

Abusi e Condono edilizio: la prova della data di realizzazione dell’opera

Il TAR Lazio chiarisce come deve avvenire la prova della data di costruzione di un manufatto affinché possa essere correttamente inquadrato il titolo edilizio

Edilizia 24 Luglio 2021

Ok al bonus facciate per le spese sostenute da un unico condomino

Il singolo condomino può sostenere per intero le spese per il rifacimento della facciata e godere dell’agevolazione fiscale se autorizzato da delibera condominiale all’unanimità

Edilizia 24 Luglio 2021

Dal CSLLPP i chiarimenti su sismabonus nei centri storici

Commissione CSLLPP: nei centri storici ammessi interventi che determinano la riduzione del rischio sismico senza la verifica dell’intero aggregato. Ecco l’elenco dei lavori ammissibili

torna all'inizio del contenuto