Notizie

1 Marzo 2018

Un garage interrato può essere trasformato in locale abitabile?

Il Tar Lombardia ha chiarito che non è sanabile la trasformazione di un garage interrato in locale abitabile quando esiste il vincolo di destinazione

I giudici amministrativi lombardi in una recente sentenza (la n. 483 del 20 febbraio 2018) hanno chiarito che non può essere sanata la trasformazione di un garage interrato, realizzato in base alla cosiddetta Legge Tognoli, in locale abitabile quando il garage sia gravato ope legis del vincolo di destinazione.

La legge n. 122/1989 (detta legge Tognoli) consente infatti particolari facilitazioni urbanistiche per la costruzione di garage interrati in edifici già esistenti, ma tali agevolazioni sono gravate dall’immodificabilità dell’esclusiva destinazione a parcheggio (art.9 comma 5).

Il caso

In un Comune della provincia di Sondrio il signor X ha provveduto a trasformare un piano interrato di un fabbricato originariamente autorizzato a garage pertinenziale ai sensi della legge n. 122/1989, in magazzino e deposito (247,92 m²) e monolocale dotato di bagni (27,91 m²).

Contro tale trasformazione interviene un’ordinanza di ripristino emessa dal Responsabile del Servizio Urbanistica ed Edilizia Privata del Comune.

Verso tale ordinanza il signor X ricorre alla giustizia amministrativa.

La sentenza

I giudici del Tar Lombardia hanno chiarito che non è sanabile la trasformazione di un garage interrato, realizzato in base alla legge 122/89 e quindi gravato ope legis del vincolo di destinazione, in un locale abitabile, non potendo ritenersi la trasformazione urbanisticamente irrilevante.

Infatti, affermano i giudici del Tar, “solo qualora un cambio di destinazione d’uso abbia luogo tra categorie edilizie omogenee non necessita di permesso di costruire, mentre allorché, come nel caso di specie, lo stesso intervenga tra categorie edilizie funzionalmente autonome, così come avviene tra locali accessori e vani ad uso residenziale, ciò integra una modificazione edilizia, con effetti incidenti sul carico urbanistico” (Tar Lazio, Sez. II, n. 4225/2017).

Ultimi articoli

Edilizia 25 Luglio 2021

Abusi e Condono edilizio: la prova della data di realizzazione dell’opera

Il TAR Lazio chiarisce come deve avvenire la prova della data di costruzione di un manufatto affinché possa essere correttamente inquadrato il titolo edilizio

Edilizia 24 Luglio 2021

Ok al bonus facciate per le spese sostenute da un unico condomino

Il singolo condomino può sostenere per intero le spese per il rifacimento della facciata e godere dell’agevolazione fiscale se autorizzato da delibera condominiale all’unanimità

Edilizia 24 Luglio 2021

Dal CSLLPP i chiarimenti su sismabonus nei centri storici

Commissione CSLLPP: nei centri storici ammessi interventi che determinano la riduzione del rischio sismico senza la verifica dell’intero aggregato. Ecco l’elenco dei lavori ammissibili

Edilizia 24 Luglio 2021

Autorizzazione paesaggistica: scaduti i termini il parere della Soprintendenza è inefficace

Una PA deve considerare inefficace il parere negativo della Soprintendenza che sia giunto fuori dai termini previsti. I chiarimenti del Tar Campania

torna all'inizio del contenuto